Come difendere l’orto dalle arvicole

di Valentina

Come difendere l’orto dalle arvicole? Vediamo insieme come tenere lontani dalle nostre piante questi piccoli roditori che rischiano di mettere a repentaglio i raccolti con il loro appetito di ortaggi.

Cosa sono le arvicole

Le arvicole sono i topi di campagna. Roditori particolarmente pericolosi per le colture non solo perché amanti dei vegetali ma perché in grado di scavare gallerie per raggiungere i bulbi con facilità al fine di rosicchiarli e mangiarli. Azione che portano avanti senza problemi anche nei confronti di radici e tuberi. Al pari delle talpe possono essere in grado di creare gravi danni. Le colture maggiormente colpite sono i carciofi e gli asparagi per via della loro natura, ma questi topolini ovviamente non disdegnano nessun tipo di verdura nell’orto. In particolare d’inverno quando per via del cambiamento climatico le sue scorte di cibo scarseggeranno.

Come combattere le arvicole

Le arvicole possono essere tenute lontane in diversi modi dall’orto. In alcuni casi si tratta di precauzioni che possono essere prese, in altri si agisce in maniera più incisiva al fine di evitare danni. La prima cosa da fare è distruggere le tane in modo da spingerli fuori dal raggio di azione dell’orto. Alcuni consigliano l’uso di ricino, di aglio e teste di sardina per allontanarli, ma non sempre tali metodi si rivelano efficaci. La presenza di gatti, loro antagonisti naturali, di solito è il modo più sicuro di combatterle, soprattutto se si vuole evitare l’utilizzo di veleni. In alternativa è possibile puntare su oggetti rumorosi in grado di spaventarli.

Photo Credits | Eduard Kyslynskyy / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.