Difendere l’orto dagli animali selvatici

di Valentina

Quello di difendere l’orto dagli animali selvatici è un tema che non si affronta spesso sebbene la maggior parte delle persone che coltiva l’orto lo faccia in contesti di campagna. Per proteggere il proprio spazio e proteggersi  si possono prendere alcune precauzioni.

Esistono diversi strumenti in commercio da utilizzare per tenere lontani gli animali ed evitare che entrino nell’orto a razziare le colture: recinzioni elettrificate, disturbatori acustici ed emettitori ad ultrasuoni sono solo alcuni dei mezzi più utilizzati. Il loro costo ed il fastidio che arrecano però spesso li rende davvero scomodi da usare. Se avete la possibilità di acquistarli fatelo ovviamente. Altrimenti si può utilizzare un metodo semplice e facile da preparare: quell di utilizzare del peperoncino in polvere per creare una barriera di difesa attorno alle piante. Economica ma efficace.

Niente di estremamente difficile: basta prendere del peperoncino piccante e cospargerlo intorno alle piante. Lo si può ottenere facilmente prendendo dei peperoncini interi, tritandoli e sminuzzandoli il più finemente possibile: semi compresi ovviamente. Sono loro infatti ad avere al loro interno la piccante capsaicina.  Esso deve essere posto a circa 50 cm – 1 m dalle piante, avendo cura di ripetere l’operazione ogni 10 giorni. E’ possible aggiungere anche dei bulbi di aglio sminuzzati o delle foglie della pianta stessa. L’odore e le sostanze emesse da questo rimedio naturale sono sufficiente a tenere lontani gli animali selvatici, cinghiali compresi. Quest’ultimi in campagna possono rappresentare davvero una piaga per le colture di non indifferente pericolosità dato che possono con facilità attaccare anche gli esseri umani.

Photo Credits | phive / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.