Come scegliere la motosega: tipologie e caratteristiche

di Redazione

Il pianeta del giardinaggio è davvero ampio e sconfinato, costellato da attrezzature specifiche e tecniche che sono pensate per la cura del verde e i lavori di potatura. Tra quelle più importanti occorre annoverare senza dubbio e in primis la motosega. Si tratta di un attrezzo indispensabile ogni volta in cui sia necessario abbattere un albero oppure ridurre a tocchetti la legna da ardere ma anche quando si debbano effettuare potature straordinarie (magari in relazione a rami di dimensioni ragguardevoli).

Essere autonomi nelle attività di giardinaggio è importante, ecco perché un attrezzo come la motosega è ormai sempre più spesso presente nei giardini di privati oltre che nei capannoni di contadini e boscaioli. Ne esistono moltissime tipologie e la scelta in relazione al modello si lega ovviamente – di volta in volta – alle specifiche necessità di lavoro. Nel caso in cui si debba per esempio salire su una scala ed eliminare pochi rami oppure abbattere piccoli alberi servirà un modello maneggevole come la Stihl 181 chainsaw. Mentre nel caso in cui invece ci si debba dedicare ad attività più impattanti e complesse – per esempio accatastare legna riducendo tronchi molto grandi – serviranno modelli con una barra più lunga.

Tipologie di motosega: le cose da sapere

Esistono motoseghe professionali e per uso domestico, ma anche modelli pensati solo e unicamente per i lavori di potatura. Vediamo quali sono le loro caratteristiche distintive, così da orientarsi al meglio nel momento della scelta. In base al tipo di utilizzo si distinguono:

  • motoseghe per professionisti, adatte a lavori che richiedono molto tempo poiché assicurano alti standard di comfort e sicurezza oltre che di affidabilità. L’ergonomia è il loro tratto distintivo, si possono impiegare per qualsiasi utilizzo.
  • motoseghe per utilizzo domestico, sono impiegate per i lavoretti della domenica in giardino e per le normali attività di manutenzione e cura del verde. Il loro costo è contenuto, inoltre non sono troppo adatte a lavori pesanti o complessi.
  • motoseghe per i lavori di potatura, sono modelli maneggevoli e poco pesanti che si possono utilizzare anche con una sola mano. Sono perfette per sfrondare i rami e per la cura degli alberi.

Quali elementi valutare prima di comprare la motosega

Ci sono alcuni elementi che occorre analizzare con un surplus di attenzione nel momento in cui si passano in rassegna i modelli di motosega. Per prima cosa occorre valutare la lunghezza della barra, poiché è la parte che – assieme alla catena – entrerà al momento del taglio. Una barra corta sarà più pratica e semplice da maneggiare, mentre una più lunga potrà tagliare tronchi con un diametro maggiore. Altri elementi importanti sono: l’ergonomia, sempre in un’ottica di maggiore comfort, e la potenza del motore, tenendo presente che molto cambia in base all’entità del lavoro e dalla tipologia di legna. Attenzione a non fare scelte sproporzionate rispetto alle reali necessità: un attrezzo troppo potente sarà costoso, pesante e ingombrante. Infine date uno sguardo anche al rapporto qualità/prezzo e al marchio, ricordando che modelli come quelli Stihl – storico brand, leader di settore – offrono un’importante garanzia in fatto di affidabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.