Come seccare i fiori di lavanda

di Giulia Tarroni

La lavanda è una pianta arbustea molto diffusa nella nostra macchina Mediterranea: produce delle spighe coloratissime e dall’intensa profumazione, grazie ai quali è possibile creare dei sacchetti profuma cassetti, mazzolini delicati e composizioni di fiori secchi di grande effetto. Ma come fare a seccare i fiori di lavanda?

Nella prima metà di settembre la nostra pianta di lavanda inizierà a perdere il suo splendore, sfiorendo lentamente. In questo periodo dovrete procedere con la potatura e con la raccolta dei fiori e delle spighe per procedere ad essiccarli.

È semplicissimo seccare in casa i mazzolini di lavanda: per prima cosa potate la pianta quando cala il sole, verificando che la pianta sia asciutta e integra, lasciate i gambi lunghi circa una ventina di centimetri. Legateli con un elastico o uno spago, a mazzolini di una decina di esemplari, per fare si che non siano troppo pigiati e possa circolare l’aria, evitando la formazione di muffa.

A questo punto vi basterà appendere i mazzolini a testa in giù, avendo cura di posizionarli in un luogo buio e ventilato, per circa tre settimane. Se la zona è particolarmente secca bastano anche due settimane. Al termine, quando la vostra lavanda è secca, vi basterà utilizzarla per dei deliziosi sacchetti profumati per cassetti, o bomboniere, o ancora per profumare le pagine di un libro a voi caro. date sfogo alla vostra fantasia!

Foto credit Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.