Cosa sono i licheni: dove e come nascono, coltivazione

di Filomena D'Aniello

Come coltivare i licheni

I licheni nascono dall’incontro tra un fungo e un’alga che si scambiano elementi per assicurarsi la sopravvivenza. Crescono su elementi naturali e artificiali, dove il clima è mite e umido: sui tetti, negli interstizi dei muri, tra le crepe dei marciapiedi, sulle cortecce degli alberi, sulle montagne, tra gli arbusti. I licheni crescono spontaneamente, e preparano lo spazio o il terreno, alla crescita di altre piante; si caratterizzano ospitali, proprio per questa particolare caratteristica dell’accogliere nuove specie vegetali.

 

I licheni sono diversi: possono essere piccolissimi, quasi del tutto invisibili, o diffondersi per diversi metri: hanno il tronco colorato, che può essere arancione, giallo, violaceo, nero o rosso e può assumere tre precise caratteristiche, quella di avere una superficie di crosta, composta di foglie o cespuglioso.

 

I licheni sono considerati dei bioindicatori, perché la loro presenza, indica il livello di inquinamento di un ambiente. Questi vegetali, tendono ad assorbire gas e sostanze dannose per altre specie di piante, per cui, sono di fondamentale importanza. I licheni, però possono essere danneggiati dall’anidride solforosa, a causa della quale tendono ad appassire e a scomparire lentamente. Per questo motivo, è sempre più difficile trovarli in città, soprattutto in quelle in cui il tasso di inquinamento è altissimo. I licheni crescono maggiormente in campagna e nelle zone collinari e montuose, in un ambiente più naturale, dove il livello di inquinamento può essere controllato.

 

I licheni costituiscono una specie protetta, insieme ai muschi e alle felci, che crescono nelle zone alpine in particolare a diversi metri di altezza. La loro coltivazione, può essere effettuata solo previo permesso per alcune specie. Una volta raccolti i bulbi dei licheni, bisognerà frantumarli e versarli in una bottiglia con il latte, e poi vaporizzare il tutto, in un vaso con del terriccio, dopo aver agitato attentamente.

Questa soluzione, può anche essere spruzzata su una superficie in modo diretto, ma preferibilmente questa operazione, va effettuata in una giornata soleggiata e va ripetuta diverse volte, fino a quando i licheni iniziano a crescere.

 

I licheni sono organismi autonomi, che non necessitano di nulla, per cui, tendono non vivono a spese di altre piante e non necessitano di cure. Gradiscono un clima tendenzialmente mite, ma molto umido, anche se alcune specie crescono anche nei deserti, o di contro sulle vette del territorio alpino, per cui, a seconda della tipologia, si potrà operare per la coltivazione e la cura di questa pianta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.