Le cure autunnali per il prato

di gianni puglisi

Fino alla fine di ottobre bisogna dedicare alcune cure al prato, in modo da prepararlo nel migliore di modi all’arrivo dell’inverno e, oltre a proteggerlo dal freddo, renderlo resistente ai frequenti calpestamenti e ad eventuali malattie. La prima operazione da fare e quella del taglio in modo da diradare e modificare l’altezza dell’erba, poi la concimazione, l’areazione del terreno e, volendo, anche la semina autunnale del prato.

Da ottobre è bene diradare il numero dei tagli, in quanto ne sarà sufficiente uno a settimana; occupatevi anche dell’altezza dell’erba che va aumentata gradualmente, fino a farla arrivare, alla fine di ottobre, a circa 3,5 o 4 centimetri.

Se nel tappeto erboso sono presenti residui di taglio accumulato, dovete rimuoverli con l’aiuto di uno scarificatore manuale o elettrico che, grazie alle lame che incidono il terreno, è in grado di togliere il materiale accumulato e lasciarlo libero di ricevere il nutrimento.

La concimazione del prato, infatti, è molto importante e l’ultima della stagione va effettuata alla fine di ottobre: infatti, nel periodo autunnale, gli elementi nutritivi vengono usati per produrre della nuova vegetazione.

Un altro lavoro molto importante da fare in questo periodo è arieggiare il terreno per favorire lo sgrondo dell’acqua; in caso di piccoli appezzamenti di terreno si può usare una forca a denti lunghi, mentre per i prati grandi va usato uno scarificatore elettrico. Dopo il trattamento, distribuite sul manto erboso uno strato di sabbia per riempire gli spazi vuoti lasciati dagli attrezzi usati per arieggiare il terreno.

Un’altra operazione da fare in autunno sul prato e la rifilatura del tappeto erboso, un’operazione che consiste nel taglio del bordo in concomitanza con le aiuole di fiori e si può eseguire con un attrezzo chiamato tagliabordi.

Infine, in questo periodo è ancora possibile seminare il tappeto erboso, magari con piante come l’agrostide o il trifoglio, avendo cura di pulire prima il prato dalle piante infestanti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.