Ghirlanda nei toni del bianco e del verde

di Sara Cattaneo Commenta

E’ forse perchè con la sua indefinitezza, adombra i vuoti e le immensità disumane dell’universo e, in tal modo, ci colpisce alle spalle con il pensiero dell’annullamento, quando contempliamo le bianche profondità della Via Lattea? O è forse perché, nella sua essenza, il bianco non è tanto un colore quanto l’assenza visibile del colore e, al tempo stesso, la fusione di tutti i colori; è forse per questi motivi che c’è una così muta vacuità, piena di significato, in un vasto paesaggio nevoso – un incolore onnicolore d’ateismo dal quale rifuggiamo?
Moby Dick, Herman Melville

Per questa prima composizione più natalizia ho scelto il bianco: una classica ghirlanda rotonda fatta di pino e agrifoglio, con l’aggiunta di fiori bianchi. Nella parte inferiore della ghirlanda è stato infatti aggiunto un salsicciotto di spugna imbevuto d’acqua, inserito dentro una leggera rete plastificata forata (è possibile usare anche la classica “rete da polli”) e fissato all’anima metallica della ghirlanda. I fiori, rose, ranuncoli e lisianthus, sono stati tagliati molto corti e inseriti in modo compatto e ravvicinato. Sono state infine inserite delle fettine di arancia essicate per dare un tocco leggero di colore.

I ranuncoli (il cui nome deriva dal latino e significa piccola rana, probabilmente in riferimnto alla predilezione di questi fiori per i luoghi paludosi e umidi) sono dei fiori di origine asiatica, sempici ma eleganti, che possono essere reperiti in varie colorazioni, dal rosa, al giallo, all’arancione, al color tabacco. Sono fiori da bulbo, dal gambo carnoso, che possono essere coltivati sia in piena terra che in vaso.Il suo significato è, nel linguaggio dei fiori, “Il tuo fascino è radioso”. I ranuncoli in origine avevano fiori semplici, a cinque petali, ma oggi co sono ibridi a fiori semidoppi o doppi anche di dimensioni piuttosto considerevoli. i fiori e le foglie contengono una sostanza velenosa.

 

 

 

 

 

google-max-num-ads = "1">