Lavori di febbraio: è tempo di rinvasi per le piante d’appartamento

di Valentina

Tra i lavori di febbraio da mettere in cantiere assolutamente il prima possibile, vi è quello di fare il punto della situazione nelle proprie serre, se le si posseggono, e per ciò che riguarda le piante d’appartamento. Prendersi cura di fiori e piante è un lavoro serio, e per quanto possa rappresentare una passione, bisogna stare attenti e pianificare il da farsi in base a dettami precisi da seguire. Per ciò che riguarda le piante d’appartamento, è tempo di rinvasi.

Soprattutto in casi come questi la manutenzione diventa uno dei passi più importanti da intraprendere. Capire la reale condizione delle nostre piante diventa primario per poter ottenere dei buoni risultati nella stagione calda.

Se parliamo di piante in vaso, febbraio rappresenta il periodo più adatto se abbiamo intenzione di cambiate i contenitori nei quali sono già impiantate. I rinvasi, si sa, debbono seguire degli schemi e dei tempi precisi. Se abbiamo intenzione di cambiarli, a meno che le nostre piante non siano nel loro vaso da molti anni, è importante che ricordiamo di acquistare e successivamente trapiantarli in vasi leggermente più grandi di quelli di origine.

E’ importante che venga utilizzato sempre del terriccio di buona qualità: dovrà rappresentare il nutrimento delle nostre piante a lungo, non si può risparmiare sulle sue capacità nutritive. Se tra quelle che vogliamo rinvasare compaiono delle piante succulente o appartenenti alle famiglie dei ficus, è bene concentrare l’attenzione sulle radici per verificare la presenza di parassiti come afidi e cocciniglia. Per lo stesso motivo è solitamente sconsigliato riutilizzare dei vecchi vasi a meno che non si prenda in considerazione di lavarli con molta cura e disinfettarli in maniera adeguata prima del riutilizzo.

Allo stesso medo è bene, se le temperature di febbraio dovessero alzarsi sensibilmente, provvedere non solo ad un normale “giro” di manutenzione per evitare che un tasso di umidità eccessivo favorisca il nascere di infestazioni parassitarie, ma anche ad arieggiare l’ambiente per non rendere troppo pesante il divario tra le temperature diurne e notturne.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.