I lavori del mese di luglio in balcone e in giardino (Seconda parte)

di gianni puglisi

Ieri vi abbiamo illustrato alcuni lavori generali da effettuare sul giardino o sul balcone in questo caldo mese di luglio; oggi vi parleremo di quelli da attuare specificamente sul alcune piante estive generalmente presenti nei nostri terrazzi o nei giardini.

Iniziamo con la petunia, che dopo l’abbondante fioritura delle settimane scorse si sta “spogliando” e presenta solo dei ciuffi di foglie e fiori nella parte finale dei rami; proprio per questo è bene tagliarla e ottenere dai rami delle talee che, sistemate in un terriccio umido, radicheranno velocemente, mentre la pianta madre tagliata godrà di salute migliore.

In questo periodo potrebbero iniziare ad ingiallire le foglie delle ortensie; se ciò accade vuol dire che le piante sono affette da clorosi ferrica. Intervenite rapidamente aggiungendo al terriccio del solfato di ferro seguendo le indicazioni presenti nella confezione, e vedrete che l’ortensia si riprenderà nel giro di pochi giorni.

In questo periodo possono essere moltiplicati per talea i gerani e i pelargoni; tagliate dei rametti giovani e verdi e metteteli direttamente a terra, mantenendo il terriccio umido per le prime settimane: radicheranno velocemente e vi regaleranno nuove piante. Per quanto riguarda le cure estive da dedicare a queste piante, è importante ricordarsi di fornire loro del concime liquido ogni 10 giorni circa, di togliere i fiori appassiti, bagnarli con moderazione ma costantemente con acqua fresca ma non fredda

Ormai le bulbose fiorite durante la primavera si stanno seccando e quindi è il momento di sotterrare i bulbi e di conservarli per la prossima stagione; estraeteli dal terreno e lasciateli asciugare all’ombra e in un luogo areato, puliteli dal terriccio con un pennello e conservateli in un luogo asciutto fino alla prossima primavera.

Infine, queste sono anche le ultime settimane utili per potare gli arbusti; se tagliate adesso i rami, essi avranno il tempo per lignificare prima dell’inverno e sopportare il gelo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.