I LED contro i parassiti delle piante

di Valentina

Gli insetti sono una delle minacce più grandi alle nostre colture, siano essere dell’orto o semplici fiori. Non tutti come le api sono da considerare amici. Una maniera per allontanare i parassiti? Forse difficile a crederci ma possono essere le luci LED. E nello specifico quelle di un particolare colore.

Parliamo di LED a luce blu. Questa buona notizia ci viene data direttamente dai ricercatori della Tohoku University che hanno scoperto come alcune lunghezze d’onda della luce visibile siano letteralmente letali per alcune specie di insetti. Quella blu, la cui lunghezza d’onda è pari a 467 nm, è risultata letale praticamente al 100% per ciò che concerne la mosca della frutta, mentre quella violetta lo è risultato solo al 400% con i suoi378 nm.

Una scoperta importantissima se si pensa anche solo all’applicazione agronomica della questione. Pensate alla semplice possibilità di mettere da parte ogni pesticida ed insetticida a favore di una soluzione pulita e senza conseguenze per l’uomo e l’ambiente come le luci LED, che tra l’altro potrebbero contare su una ricarica ad energia solare per funzionare. Tenere a bada gli insetti, sia sui nostri fiori o cespugli, sia sulle colture dell’orto è una delle azioni che più impegnano tutti colori che intendono coltivare delle piante. E spesso non si tratta solo di un dispendio di tempo: questa azione rappresenta uno sforzo economico e fisico.

Alcuni insetti, considerabili buoni, tentano di tenere a bada la popolazione di parassiti, ed in alcuni casi sono necessari per l’impollinazione dei nostri esemplari. Ma rispetto agli insetti “cattivi” essi sono in numero decisamente esiguo: riuscire ad eliminare i parassiti in modo semplice e poco invasivo, lo ripetiamo, è ciò che si può auspicare di raggiungere appieno nei prossimi anni. Soprattutto per il benessere della popolazione che vive in zone povere e per la quale essi possono rappresentare sia problemi di salute che danni economici legati all’agricoltura non indifferenti.

Photo Credits | demarcomedia / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.