Materiali per la pacciamatura

di Valentina Commenta

La pacciamatura è uno strumento ottimale di protezione delle piante. Essa è utile per tenere al caldo le radici ed evitare la crescita di erbacce. Ma non tutti i materiali sono adatti alla sua creazione: scopriamo insieme cosa utilizzare.

aiuola pacciamata

Cosa non utilizzare

Prima di passare ad elencare quali siano i migliori prodotti da impiegare vogliamo sottolineare quali siano le foglie da non utilizzare. Bisogna tenersi lontani da aghi di pino e foglie di eucalipto. Soprattutto le seconde rischiano di essere portatrici di muffe tutt’altro che positive per lo sviluppo della pianta ed il mantenimento di un suo ottimale stato di salute.

Materiali per la pacciamatura

La pacciamatura, ricordiamolo, è una pratica che può avvenire in qualsiasi momento dell’anno: dopo il trapianto di un esemplare o quando il meteo rende necessario il suo impiego. Materiale per la pacciamatura può essere acquistato anche in negozi specializzati. Vi consigliamo, ad ogni modo, di preferire inizialmente ciò che la natura vi offre.

Paglia ed erba fresca tagliata

Paglia ed erba fresca appena tagliata sono due strumenti che se mixati insieme possono dare risultati davvero perfetti. Basta mettere sopra al terreno uno strato sottile di erba e poi la paglia a ricoprire il tutto. Questo consente alla parte “viva” di macerare e nutrire l’apparato radicale mantenendo una certa umidità al livello del suolo e alla parte secca di proteggere con efficacia da intemperie e erbe infestanti.

Foglie secche

Le foglie secche sono la tipologia di pacciamatura invernale ed autunnale più efficace e semplice da ottenere grazie alla chioma caduca degli alberi.

Photo Credits | Ozgur Coskun / Shutterstock.com

google-max-num-ads = "1">