Pesticidi, capiamo i modi in cui agiscono

di Redazione

Spread the love

I pesticidi sono dei composti complessi che possono essere ricavati da sostanze naturali come il piretro che viene estratto da una pianta e non è tossico né per l’uomo né per gli animali e i vegetali. Molto più numerosi sono quelli di sintesi, ossia ricavati da sostanze chimiche dopo molti anni di ricerca. L’effetto di ogni pesticida varia secondo il particolare insieme di componenti chimici da cui è costituito ed agisce in modo differente a seconda della maniera in cui l’insetto viene a contatto con il veleno.

Ma vediamo adesso come agiscono i pesticidi.

Pesticidi a contatto: essi agiscono solo quando il parassita li tocca e ciò significa che è assolutamente importante che tutte le parti infette della pianta vengano irrorate.

L’insetto può essere avvelenato sia dall’effetto diretto dell’agente chimico sul suo corpo oppure ingerendo o camminando sopra il tessuto avvelenato della pianta sul quale il prodotto chimico è stato applicato.

Molti di questi insetticidi sono addizionati con speciali sostanze fluide in grado di aumentare il potere della soluzione chimica di entrare nel tessuto della pianta. Alcuni insetticidi a contatto contengono anche fungicidi.

Pesticidi preventivi: il termine preventivo è applicato a quei fungicidi che permettono di controllare le malattie dovute ai funghi, come la muffa bianca e grigia e il marciume delle radici.

I fungicidi preventivi sono noti da molti anni e possono essere a base di zolfo, di rame o di altri composti di sintesi. L’effetto di questi prodotti chimici su una pianta è di frenare la germinazione di spore fungine e quindi di ridurre la diffusione della malattia.

Per questo i trattamenti preventivi non dovrebbero essere applicati quando l’infezione della pianta è in uno stadio troppo avanzato.

Pesticidi ad azione polivalente: essi sono costituiti sia da insetticidi sia da fungicidi e sono una innovazione relativamente recente nella storia dei pesticidi. Essi sono estremamente efficaci e facilitano moltissimo il controllo di molti parassiti. I pesticidi polivalenti possono essere spruzzati per aerosol (spray) oppure essere aggiunti all’acqua pronta per l’annaffiatura, e vengono velocemente assorbiti nei tessuti della pianta.

Alcuni, detti sistemici, sono in grado di muoversi liberamente per via linfatica in tutte le parti della pianta, garantendo così un’ampia protezione dalle, malattie dovute a funghi e a parassiti, a meno che, naturalmente, i parassiti ed i funghi in questione abbiano sviluppato una resistenza a quel particolare prodotto chimico.

Basta che un insetto mangi solo una piccola quantità di tessuto della pianta per restare avvelenato e morire non appena abbia assorbito la linfa della pianta. I funghi subiscono lo stesso trattamento non appena tentano di assorbire con i loro peli radicali il nutrimento dalla pianta che contiene il fungicida nei propri tessuti.

I prodotti che combinano un insetticida ad azione sistemica con un fungicida ad azione sistemica non sono facilmente accessibili perché altamente tossici. I pesticidi polivalenti rappresentano una buona alternativa ai pesticidi a contatto perché non richiedono applicazioni diffuse su tutto il fogliame.

Avvertenza. Proprio per il fatto che tutti i pesticidi sono tossici ricordate di tenere veramente conto di tutte le precauzioni raccomandate dalle case produttrici per quanto riguarda la miscelazione, l’uso e la conservazione delle confezioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.