Parassiti delle piante: ciò che non abbiamo ancora detto

di Redazione

Vi siete mai chiesti perché la vostra ‘Stella di Natale‘ (Euphorbia pulcherrima) abbia un aspetto così ‘sofferente’, perché la Impatiens abbia un’aria particolarmente ap­piccicosa o il croton (Codiaeum) sia decisa­mente malconcio? Probabilmente la rispo­sta è che una torma di parassiti nocivi sta infestando le vostre piante.

Il vostro primo passo immediato sarà quello di ricercare e identificare il tipo di parassita che infesta le vostre piante così da poter trovare il modo di combatterlo effica­cemente. Tenete presente che un ambiente asciutto e caldo favorisce la comparsa di parassiti, soprattutto del ragnetto rosso. La presenza di questo aracnide non è la conse­guenza diretta di una temperatura elevata, ma se alcuni di questi parassiti già si trovano nascosti tra le foglie cresceranno molto meglio trovandosi in condizioni ambientali calde e asciutte.

Come in tutte le malattie, la prevenzione è senz’altro meglio della cura;

è quindi buona regola ispezionare periodicamente le piante verificando che non abbiano parassi­ti. Appena si nota un primo segnale negati­vo sarà bene spruzzare un insetticida ido­neo. Cautelativamente si può procedere a tale operazione 2 o 3 volte l’anno, con un insetticida sistemico.

Quando i parassiti attaccano le piante, se sono ancora pochi, potete toglierli con le dita, oppure potete lavarli via con una spu­gna bagnata d’acqua tiepida e qualche goc­cia di insetticida, oppure potete eliminarli con un po’ d’alcol, a seconda dei casi. Per problemi più seri, ma anche per uso preventivo, adoperate insetticidi specifici: generalmente si trovano in forma liquida, ma anche in polvere e in forma solida.

Nei casi generali è sufficiente un buon pesticida per tutti gli usi, ma per i casi particolari ci vuole un prodotto idoneo, quindi cercatene uno che contenga quel particolare ritrovato chimico adatto a elimi­nare il parassita aggressore.

Prima di usare qualsiasi pesticida leggete sempre attentamente le istruzioni accertandovi quali siano le componenti chimiche.

Fate particolare attenzione con i bambini e gli animali domestici.

Gli insetticidi sono dannosi per tutti e alcuni composti sono pericolosi per le persone allergiche.

Vanno sempre trattati con cautela.

In parti­colare i generi alimentari devono essere tenuti lontano da questi prodotti chimici, soprattutto quando il trattamento di disin­festazione delle piante è in atto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.