Le piante? Si studiano con i mattoncini lego

di Valentina

Vogliamo condividere una notizia davvero curiosa con voi oggi. Sapevate che vi sono degli scienziati che stanno studiando le piante e la crescita delle loro radici con i mattoncini Lego? La botanica e l’inventiva dell’uomo non ci lasceranno mai annoiati, ogni volta che si incontreranno per motivi scientifici.

 

A quanto pare un gioco intramontabile come quello dei mattoncini Lego, soprattutto nella sua variante trasparente, possono rappresentare anche un ottimo mezzo di ricerca. Ad avere questa intuizione è stato Ludovico Cademartiri, professore di Scienza dei materiali e Ingegneria alla Iowa State University, il quale da tempo cercava una maniera per studiare le piante e la crescita delle radici in modo facile, ma soprattutto a poco prezzo e in grado di essere facilmente modificabile man mano che le piante utilizzate nella sperimentazione si sviluppavano.

Le esigenze erano relative ad una struttura di tipo modulare e graduabile, questi i termini scelti dallo scienziato, ma che al contempo fosse dotato di una linea precisa e fosse di materiale chimicamente inerme. I mattoncini della lego si sono rivelati la scelta più naturale ed a portata di mano. Senza contare il fattore pratico della economicità di questa scelta. Ecco quindi che con i loro ha creato delle mini-serre e le ha ingegnerizzate per analizzare la crescita delle radici e delle piante di rapa, frumento, mais, crescione in gel, terriccio, e diversi tipi di substrato, variando anche le condizioni climatiche. Commenta lo scienziato, il cui studio ha trovato spazio presso la rivista di settore Plos One:

Dimentichiamo per un attimo che questi mattoncini sono usati come giocattoli. Sono in realtà pezzi di plastica di alta qualità, costruiti con straordinari standard di precisione, che è possibile utilizzare per costruire innumerevoli cose. Ma sono anche un buon esempio di come qualcosa di semplice può risolvere un problema di progettazione complessa.

Ed ha perfettamente ragione. La quantità di strutture creabili è enorme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.