Le piante apprezzano la gentilezza umana

di Valentina

Le piante apprezzano la gentilezza umana: può sembrare strano ma è davvero così. Almeno è questo quello che suggerisce una ricerca condotta dagli scienziati dell’University of Western Australia e recentemente pubblicata sulla rivista di settore Plant Physiology .

Lo studio dimostrerebbe come le piante siano pienamente consapevoli di tutto ciò che avviene attorno a loro fino ad arrivare al punto di reagire al modo nel quale vengono trattate, soprattutto se toccate o “accarezzate”. Secondo gli scienziati se si sentono particolarmente amate possono arrivate a fiorire diversamente o sviluppare una maggiore resistenza alle malattie. Spiega il coordinatore del gruppo di ricerca, Olivier Van Aken:

Abbiamo osservato che anche il semplice atto di far cadere gocce d’acqua su una foglia causa una risposta complessa dentro le piante. Lo stesso avviene per un soffio di vento, per un insetto che si muove su una foglia, o anche quando una nuvola getta ombra sulla pianta.

Le piccole vibrazioni di qualsiasi evento che accade ad una rosa od a qualsiasi fioritura, anche su una semplice foglia dimostrano di arrivare a toccare anche le parti più distanti dell’esemplare stesso, causando una reazione all’intero sistema. E’ come se il tocco preparasse le piante a difendersi da eventuali pericoli o a percepire i cambiamenti attorno a loro. Tutto questo dipenderebbe da due proteine specifiche riscontrate in tutta la flora che ne regolerebbero la sensibilità.

Forse come esseri viventi le piante percepiscono molto di più di quel che pensiamo. Certo è che nell’ambito del giardinaggio non è una novità sentire di persone che dialogano con le stesse mentre si prendono cura di loro: a quanto pare forse…non si tratta di tempo perso.

Photo Credits | Alexander Raths / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.