Cosa piantare nell’orto a gennaio

di Valentina

Cosa piantare nell’orto a gennaio è qualcosa che va pensato con adeguata preparazione, tenendo da conto che è necessario per prima cosa aspettare la scomparsa delle gelate e del freddo più intenso.

Appena questo stato di cose sarà passato, ci si potrà concentrare sulla preparazione del terreno alla semina ed alla raccolta di tutte quelle verdure ed ortaggi che sono stati piantati nei mesi precedenti. Date le temperature, la semina migliore soprattutto in quei luoghi dove il freddo è penetrante,è ovviamente quella in semenzaio. Riservate particolare attenzione alle erbe aromatiche. Gennaio, se il clima dove vi trovate per quanto freddo non si presta a gelate, è decisamente un mese nel quale è possibile seminare molto. Senza contare che in alcuni casi si potrà eseguire la semina di fave, piselli e carote direttamente in piena terra. Questo è un elenco delle semine di gennaio alle quali è possibile dedicarsi:

Come potete vedere si tratta di una lista abbastanza lunga. Lo ripetiamo, valutate bene le temperature della vostra zona e regolatevi di conseguenza per la semina in semenzaio dove necessario. Melanzane, zucchine e peperoni addirittura possono essere seminati utilizzando semenzai riscaldati o tunnel caldi di protezione. Insomma, le possibilità nonostante le temperature sono molte, davvero. E lo sono anche per la raccolta. Vediamo insieme cosa possiamo raccogliere dal nostro orto:

  • Cavolo nero
  • Cavolo verza
  • Cavolini di Bruxelles
  • Cavolo cappuccio
  • Radicchio
  • Ravanelli
  • Sedano rapa
  • Finocchi
  • Indivia
  • Porri
  • Bietole
  • Catalogna
  • Cavolfiori
  • Spinaci
  • Topinambur

Se avete delle viti, vogliamo ricordarvi che per quanto possa essere necessaria la loro potatura sarà bene attendere almeno febbraio per portare a compimento questa opera per non far soffrire la pianta. Contestualmente, in attesa di settimane più calde, preparate il terreno per la semina delle fragole, e dedicatevi alla raccolta delle erbe aromatiche come salvia, rosmarino, timo ed origano.

Photo Credits | yuris / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.