L’autunno è arrivato: cosa possiamo piantare nell’orto

di Daniele Pace

Il clima è ancora mite, ma in questo periodo le piogge iniziano ad intensificarsi. Vanno quindi piantati degli ortaggi che sopportano bene acqua e umidità.

Il famoso cambio di stagione è arrivato, e con esso, anche un nuovo ciclo per il nostro orto. Chi ha la fortuna di avere un giardino abbastanza grande, e ha passione per la coltivazione, soprattutto di ortaggi genuini per la propria tavola, deve cominciare un nuovo ciclo.

Fate dunque spazio agli ortaggi invernali, quelli giusti da piantare a settembre ed ottobre. Questo è un periodo in cui si passa lentamente dal caldo afoso dell’estate al freddo pungente dell’inverno, e quindi la scelta deve essere mirata.

Per fortuna in Italia, la scelta è vasta e varia, e gli ortaggi di questo periodo sono molto buoni. E non avrete bisogno nemmeno di tantissimo spazio, ma solo di qualche metro, oppure un bel terrazzo.

Cosa piantare

Il clima è ancora mite, ma in questo periodo le piogge iniziano ad intensificarsi. Vanno quindi piantati degli ortaggi che sopportano bene acqua e umidità, facendo sempre attenzione però a non creare ristagni nel terreno.

Settembre ed ottobre sono dei mesi in cui vanno usati ortaggi che hanno un ciclo corto oppure medio. Si tratta di ravanelli, cime di rapa, spinaci, radicchio, insalata, valeriana e rucola. Sarete avvantaggiati dal fatto che, a parte i ristagni, non dovrete riservare particolari attenzioni per questi ortaggi, che saranno pronti in poche settimane.

Poi potrete coltivare delle verdure crucifere della famiglia delle Brassicacee, molto gustose per le vostre zuppe ai primi freddi. Si tratta di broccoli, cavolfiori, verza e cavolo nero. Gli ortaggi di questa famiglia resistono bene al freddo, e potrete allungare il periodo di coltivazione fino a dicembre.

Al nord è comunque consigliato di coprire questi ortaggi, magari organizzando delle piccole serre. Al sud invece non ci saranno problemi nel coltivarli all’aperto, anzi, in alcuni casi, la semina va posticipata, per non far soffrire il caldo e la siccità agli ortaggi, che causa una crescita scarsa, soprattutto per il cavolo e il broccolo.

Altri ortaggi invernali, molto utili in cucina, sono la cipolla, la carota e l’aglio, perfetti per i soffritti delle vostre paste. In questo caso la crescita è più lenta, e dovrete aspettare fino a 18 settimane prima di raccoglierli. Per questi ortaggi dovrete preparare dei suoli soffici e leggeri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.