Semine di marzo, il melone

Spread the love

Il melone è una pianta rampicante appartenente alla famiglia Cucurbitaceae che viene coltivata per i suoi frutti commestibili; il Cocumis melo, questo è il suo nome botanico, è una pianta annuale con il fusto erbaceo rampicante o strisciante con ramificazioni laterali.

Il frutto del melone, denominato anch’esso melone, è piuttosto grande e possiede una forma ovale oppure tondeggiante, la buccia liscia o leggermente rugosa di colore giallo più o meno intenso oppure verde; la polpa è molto succosa e profumata e può essere di colore arancio o bianco, e nella cavità centrale sono presenti molti semi.

I meloni possono essere invernali oppure estivi; tra le varietà di meloni invernali ci sono il  Melone di Malta, il Morettino e il Gigante di Napoli, mentre tra quelli estivi troviamo i retati come il Melone Ananasso e il Retato degli Ortoloni, e ancora, ci sono i meloni Cantalupi.

Il melone si sviluppa bene in un clima temperato caldo e, per crescere al meglio, ha bisogno di essere esposto al sole; il terreno ideale per il melone deve essere profondo, di medio impasto e ben drenato.

Come seminare il melone

La semina del melone può essere effettuata a marzo in semenzaio su letto caldo; dopo quindici giorni le piantine devono essere trapiantate in tunnel di materiale plastico e poi, quando la stagione si stabilizza, vanno messe a dimora.

La semina in piena terra va fatta tra aprile e maggio; praticate delle buche distanti circa 50 centimetri l’una dall’altra all’interno delle quali vanno sistemati quattro semi; le file devono essere distanti un metro.

Dopo la semina, le irrigazioni devono essere frequenti, pur senza creare ristagni idrici; la concimazione deve essere effettuata sia prima che dopo la semina; prima di seminare il melone bisogna fornire al terreno del letame, mentre dopo che le piantine saranno germogliate, del concime a base di potassio e di fosforo.

La raccolta dei meloni avviene a scalare, e si esegue tagliando il frutto quando il piccolo presenta le prime spaccature.

 

Lascia un commento