Seminare gli alberi con i droni?

di Valentina

Seminare gli alberi con i droni? L’applicazione della tecnologia alla coltivazione regala sempre molte sorprese. E l’idea di una azienda inglese sembra essere tra le più attraenti visto che avrebbe pianificato un metodo per moltiplicare a basso costo gli alberi.

L’ideatore di questo approccio al ripopolamento della terra con gli alberi è Lauren Fletcher della BioCarbon Engineering e viene spontaneo fidarsi del suo approccio se si pensa che ha lavorato per 20 anni alla NASA. Secondo l’ingegnere i droni sarebbero l’unico mezzo con il quale ci si potrebbe assicurare la messa a dimora di migliaia di esemplari anche in luoghi estremi senza mettere a rischio la vita delle persone.

Come funzionerebbero i droni

Il funzionamento dei droni sarebbero in grado di mappare il terreno con precisione ed una volta individuata la giusta zona procederebbero nello sparare nel terreno delle capsule biodegradabili contenenti i semi degli alberi più adatti da piantare a seconda del luogo. La germinazione e la crescita verrebbero assicurati da una riserva di idrogel contenente tutti i nutrienti necessari senza, ancora una volta, il bisogno di intervento umano.

L’azienda ed il suo progetto hanno già ottenuto un finanziamento da 100mila euro grazie all’Hello Tomorrow Challenge ed attualmente sono impegnati con i loro droni in una collaborazione con le organizzazioni non governative nella Foresta Amazzonica, in Brasile. Riuscire a combattere la deforestazione a basso costo rappresenterebbe una vera fortuna per l’essere umano. Non dobbiamo dimenticare che sono gli alberi a fornire al nostro pianeta una buona dose dell’ossigeno che respiriamo ogni giorno.

Photo Credits | Julia Ivantsova / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.