Alberi di Natale usati come legna da ardere

di Valentina Commenta

Non è mai troppo presto per trovare il modo corretto di smaltire gli alberi di Natale naturali che si acquistano. Le opzioni a disposizione sono diverse e variegate a seconda delle necessità. Si può decidere di portarli in centri di raccolta specializzati, piantarli in giardino o se si ha un buon camino, usarli come legna da ardere.

legna-tagliata

Non deve essere un’opzione da rigettare immediatamente. Per svariati motivi: il più importante è quello che si potrebbe avere bisogno di materiale combustibile, quello subito successivo il fatto di non avere spazio nel proprio giardino per piantare l’abete. Non deve essere visto come uno spreco di risorse se si pensa a come di solito questi alberi vengano trattati, ma un modo per riciclare con un minimo di senso un ornamento naturale delle feste. Di certo si tratta di una idea migliore di quella di lasciarli per le strade come spesso accade. Ovviamente è importante preparare bene il legno per il camino prima di utilizzarlo. il consiglio è quello di eliminare dagli alberi di Natale prima di tutto i rami dotati di foglie. Sarebbe bene dare loro tempo di seccarsi per poi essere riutilizzati in due modi: eliminando gli “aghi” e finendo nel fuoco in un secondo tempo, o utilizzati per una pacciamatura di tipo “autoctono”.

Il tronco a prescindere dalla grandezza, deve essere segato, preferibilmente con l’ausilio di una motosega, in pezzi molto piccoli che possano ardere con facilità, magari fornendo in questo modo una base di brace ai pezzi di legno più grossi in proprio possesso.

Photo Credit | Wikipedia

google-max-num-ads = "1">