Sta girando l’Italia il concorso “I Comuni Fioriti 2014”

di gianni puglisi

Sta girando l’Italia il concorso “I Comuni Fioriti 2014” organizzato da AspProFlor, l’Associazione nazionale di produttori florovivaisti, che quest’anno coinvolge 130 comuni italiani, che hanno curato in ogni angolo il verde per rilanciare il territorio.

Questa manifestazione, di grande successo, è partita nel 2006 ed è diventata una competizione seguitissima e di prestigio, perché serve a promuovere i comuni, anche i più piccoli, migliorare l’accoglienza del turista e ovviamente offre in un modo nuovo la visita del patrimonio nazionale. Come funziona il concorso? Ci saranno ben 4 vincitori, divisi nelle seguenti categorie: piccoli Comuni, cittadine, città e Comuni turistici.

A tutti i paesi e le città partecipanti verrà assegnato il cartello stradale con un numero variabile da 1 a 4 fiori (un po’ in stile bandiera blu o bandiera arancione, oppure per utilizzare un paragone tipico della cucina può assomigliare alle stelle Michelin). Non è tutto, saranno premiate anche la Provincia più fiorita, la scuola più fiorita, l’albergo più fiorito, i balconi più fioriti, il premio “Pollice Verde”.

Perché questa è una manifestazione di valore? È la più importante che abbiamo in Italia e i concorsi dedicati ai fiori stanno conquistando sempre più anche l’estero. Considerate che sono oggi circa 25.000 le città e i villaggi che partecipano in Europa a concorsi di fioritura, con importanti ricadute sulla qualità della vita e sull’immagine turistica. C’è di più, perché l’ Entente Florale a livello europeo mette poi in competizione i comuni più fioriti di 11 paesi.

Infine, esiste anche la Guida Comuni Fioriti, pubblicata e diffusa dall’Associazione, v gratuitamente in tutto il Paese in oltre 120 mila copie.

 

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.