3 piante da non tenere in casa

di Valentina

Ecco 3 piante da non tenere in casa: esemplari velenosi che bisogna assolutamente mantenere lontani dalla portata dei bambini in modo tale da non mettere a repentaglio, nemmeno per caso, la loro salute.

Belladonna

La belladonna è conosciuta come pianta dai forti effetti sull’organismo fin dall’antichità: non per nulla il suo estratto è uno dei più citati in correlazione con streghe e sortilegi. Questo perché tale pianta velenosa era conosciuta per le sue proprietà mediche. Piccolissime dosi di belladonna sono in grado di curare secondo i dettami della fitoterapia grazie alla sua azione antinfiammatoria e coadiuvante per il sistema nervoso. Ma al contempo non si può ignorare che contenga alcaloidi nei suoi frutti e nei suoi fiori.

Filodendro

Il filodendro è una delle piante più belle da utilizzare per decorare il proprio appartamento. Semplice da curare non richiede moltissima manutenzione. Ma è un esemplare che può esser goduto davvero senza preoccupazioni sono se non vi sono dei bambini in casa. Le sue foglie grandi e lucide, molto scenografiche,  hanno dei piccioli che rilasciano una una sorta di latte bianco che se toccato può irritare sia l’epidermide che gli occhi se per caso vengono a contatto con la stessa. Ancor peggio: se questa sostanza viene ingerita può causare una reazione anafilattica in grado di condurre al soffocamento.

Salvia

Se avete intenzione di tenere all’intero del vostro appartamento la salvia tipica dei nostri orti, l’erba officinale, non vi è nessun problema. Altro discorso è la salvia divinorum: ha forti poteri allucinogeni, al pari di quelli dell’LSD.

Photo Credits | vladimir salman / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.