Bonsai, rinvaso e trattamenti di novembre

di Valentina

Novembre è un mese molto importante per i bonsai. Ed entrando nello specifico delle sue cure, vogliamo parlare più approfonditamente di rinvaso e dei trattamenti antiparassitari e di fertilizzazione che possono o non possono essere fatti. Riuscire in una buona manutenzione è il segreto per avere delle piante in salute.

Rinvaso del bonsai

Spesso si sottolinea come sia necessaria l’attesa della primavera per effettuare un rinvaso dei bonsai. E non intendiamo contestare questo fatto: nelle regioni dove l’inverno è particolarmente freddo è un consiglio valido e sensato, soprattutto se non si ha una serra dove poter riporre l’albero bonsai appena rinvasato. Se si vive invece in una zona dall’inverno più mite in realtà questo periodo può essere considerato l’ideale per rinvasare le proprie piante. Basta semplicemente poi tenerle al riparo dal sole e dal vento.

Attenzione: questo non significa buttarsi in questa azione senza aver ponderato bene ogni pro e contro. La salute del bonsai deve essere tenuta da conto, e se il nostro alberello è giù in precarie condizioni, agire in tal senso potrebbe solo significare accelerarne la morte.

Concimazione del bonsai

La concimazione è una delle cure di cui i bonsai non necessitano dato il loro stato di riposo vegetativo. Sono le stesse piante che non assorbirebbero le sostanze nutritive poste all’interno del terreno. Ecco quindi che è consigliato agire in tal senso direttamente con l’arrivo della primavera quando le piante si risveglieranno dal loro “letargo” naturale.

Trattamento antiparassitario

Novembre e l’inverno stesso rappresentano un periodo molto buono per eseguir i trattamenti preventivi contro i parassiti, in particolare nei confronti della cocciniglia e del ragno rosso. Ma anche davanti a malattie come ruggine, cancro, peronospora. Sono le stesse temperature più rigide a salvarci da eventuali errori e da possibili bruciature. Un consiglio: cercate di rispettare in modo adeguato le tempistiche e quindi effettuare i trattamenti antiparassitari preventivi ogni quindici giorni.

Photo Credits | Bernd Schmidt / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.