Bouganville, fiori che non attirano insetti

di Roberta

II nome scientifico di queste stupende piante ricorda un esploratore e botanico francese vissuto nel Settecento, Louis de Bougainville, che recatosi nelle zone equatoriali del Brasile rimase talmente affascinato dall’apparizione di un albero letteralmente fasciato da una coltre cremisi di «fiori», da decidere di portare senz’altro in Europa qualche esem­plare della strana pianta. In seguito, il nuovo rampicante prese il no­me del suo scopritore e i naturalisti accer­tarono che quelli che erano stati ritenuti i fiori della Bougainvillea altro non erano che foglie modificate, ossia brattee. La ragione che ha determinato questa tra­sformazione sta nel fatto che i veri fiori della buganvillea sono del tutto insignificanti e quindi insufficienti ad attirare gli insetti che debbono provvedere alla fecondazione delle corolle e assicurare la continuità della spe­cie.

L’utilizzazione è quella delle piante rampi­canti o sarmentose, ossia caratterizzate da rami lunghi e flessuosi, adatti ad ornare per­golati e ringhiere, muri e cancellate, colonne o vecchi tronchi. La buganvillea può essere coltivata in vaso e quindi servire anche alla decorazione dei balconi o dei cortili.

La buganvillea non ha molte esigenze, ma richiede un’esposizione molto soleggiata e un’accurata protezione dal gelo. Nelle zone a clima temperato resiste ottima­mente anche a inverni rigidi, è però oppor­tuno procedere nel tardo autunno, a una parziale copertura, avvolgendo la parte in­feriore e anche i rami, sin dove è possibile, con plastica trasparente.

In genere, è bene potarla energicamente in febbraio, per eliminare le punte dei rami che avessero risentito del freddo, e provocare la formazione di nuovi germogli. Durante il periodo vegetativo le annaffiature debbono essere abbondanti: un secchio di acqua per pianta due volte la settimana, o anche tre volte se la temperatura è molto al­ta e la stagione è particolarmente secca. In autunno è indispensabile concimare con concime organico in polvere oppure con letame. Da aprile a settembre si deve som­ministrare ogni 15 giorni del fertilizzante or­ganico in polvere o liquido secondo le dosi indicate sulla confezione del prodotto. Gio­vano anche irrorazioni settimanali con sti­molante ormonico almeno fino a quando le piante sono di altezza tale da consentire di irro­rare con facilità tutta la massa dei rami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.