Stella di Natale, in Messico è considerata quasi sacra!

di Roberta

L’origine del nome scientifico delle euforbie è abbastanza oscura e si rifà, probabilmente, a una leggenda secondo cui lo scopritore dei principi benefici contenuti nel lattice che stilla dai tessuti di queste piante, è da attribuire ad Euforbio, medico di Giuba re dei Numidi.

Il nome della specie comune (Stella di Natale), si riferisce al periodo di fioritura della pianta che corrisponde, grosso modo, al periodo natalizio. l’Euphorbia pulcherrima è nota anche come Poinsettia pulcherrima, da cui deriva il nome comune di « poinsezia » con cui si usa designare la specie che verso Natale ci regala le sue stupende, vellutate brattee rosse, rosa, bianche e avorio.

Sino alla fine dell’Ottocento la poinsezia era pressoché ignota in Europa, mentre veniva già ampiamente usata in America e soprattutto in Messico dove la stella di Natale è considerata quasi sacra.

I meriti della poinsezia o stella di Natale sono molti: uno dei più rilevanti è sicuramente quello di conservare molto a lungo le grandi e vellutate corolle che possono resistere sui rami anche uno, due e persino tre mesi purché la pianta riceva una giusta dose di luce (mai esporla al sole) e la terra venga mantenuta fresca, ma non troppo umida. La ragione che determina l’eccezionale durata dei «fiori» della stella di Natale è molto semplice: i petali che compongono la corolla sono in realtà foglie resistenti che hanno subito una trasformazione, assumendo l’aspetto di veri e propri petali, coperti di morbida peluria e in colori vivacissimi, che vanno dal vermiglio al rosso geranio, dal rosa intenso al salmone, dal bianco puro al giallo chiarissimo.

La vera corolla della poinsezia è formata da un ciuffetto di fiori molto piccoli, giallastri e insignificanti cui fanno corona, semplice o doppia, le brattee (foglie trasformate) di cui vi ho appena parlato.

Altro pregio della stella di Natale è quello di possedere un fogliame stupendo, di forma piuttosto insolita, vellutato, di un verde morbido ma intenso, attraversato da una miriade di nervature che disegnano sulla foglia un delicato disegno.

Uno dei difetti della poinsezia è quello di crescere in modo disordinato, con tralci lunghi e piuttosto esili che si abbandonano in ogni direzione dando alla pianta un aspetto poco gradevole. Allora, se i rami della stella di Natale assumono proporzioni eccessive, è consigliabile cimare i tralci, potandoli a una quindicina di centimetri dal bordo del vaso. Questa potatura può essere eseguita in qualsiasi momento: la ripresa vegetativa avverrà immediatamente.

Commenti (11)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.