Coltivare l’erba cipollina in vaso

di Valentina Commenta

vasi di erbe aromatiche

Coltivare l’erba cipollina in vaso è una delle mosse che qualsiasi amante delle piante aromatiche dovrebbe intraprendere. Non solo perchè il suo utilizzo in cucina è grandioso, ma perchè i suoi piccoli fiorellini possono ravvivare il balcone con delicatezza ed il suo odore, per nulla forte, può essere un piacevole ricambio rispetto allo smog cittadino.

Chi vi scrive ha la fortuna di poter godere di piante di erba cipollina che crescono spontaneamente nel terreno: per ottenerne una “coltura” è bastato recintare un poco l’area ed accertarsi che le piante potessero godere delle cure necessarie. Coltivare l’erba cipollina in vaso, ad ogni modo, non è complicato. La prima cosa da fare è quella di recuperare un vaso bello capiente per poterci inserire più semi possibile. Il terreno deve essere ben drenato e ricco di nutrienti, quindi un fondo di argilla espansa e del terriccio universale condito con del compost possono bastare per dare alla vostra coltivazione in vaso di erba cipollina lo sprint giusto per iniziare. Non dobbiamo dimenticare che si tratta di una pianta rustica, che in Italia cresce più o meno dovunque e che non ha particolari necessità.  Tenete comunque da conto che il miglior periodo per la semina è la primavera. Un clima fresco, ad ogni modo, sembra andarle bene e quindi, nonostante in inverno vada in riposo vegetativo, fino a che le temperature non sono troppo basse, è in grado di crescere e svilupparsi.

Senza contare poi che coltivandola in vaso avete la possibilità di spostarla con più facilità e dare alle piantine quel di cui necessitano anche in periodi nei quali nella messa a dimora in piena terra sarebbe impossibile. Se ne avete già tra le vostre “scorte” vive, ricordatevi che l’autunno è il periodo migliore per la moltiplicazione grazie alla divisione in cespi e non fatele mai mancare una buona dose di acqua.

Photo Credit | Thinkstock

 

 

google-max-num-ads = "1">