Edera, il sempreverde per ogni stagione

di Gioia Bò

Per chi ha necessità di abbellire un muro esterno o semplicemente ricoprire una rete di recinzione per “nascondere” l’interno di un giardino, non c’è nulla di meglio che una bella pianta di Edera, il rampicante in assoluto più diffuso alle nostre latitudini.

Appartiene alla famiglia delle Apiacee e vanta un buon numero di specie di origine europea ed asiatica. La più comune è l’Hedera Helix, che possiamo ammirare facilmente nei nostri boschi o sui muri esposti a nord. La caratteristica principale dell’Edera, infatti, è rappresentata dalla scarsa tolleranza ai raggi del sole, che la portano a proliferare soprattutto in ambienti ombreggiati e tendenzialmente freschi.

Nel caso la si voglia piantare, dunque, occorrerà fare attenzione alla collocazione geografica, in modo da ottenere il miglior risultato possibile. E che risultato! L’Edera ricoprirà i vostri muri, regalandovi una visione di spettacolare compattezza con le sue varietà di verde e le magnifiche striature.

La coltivazione dell’Edera richiede poche semplici regole da seguire ed è quindi adatta anche a chi ha poco tempo o a chi è negato nella nobile arte del giardinaggio. Detto della collocazione, passiamo ora all’innaffiatura, che deve essere regolare, in modo da mantenere in terreno umido, ma facendo attenzione ai ristagni d’acqua, che potrebbero far marcire le radici ed uccidere la pianta. Ricordiamo in ogni caso che l’Edera riesce a mantenersi viva anche per un lungo periodo di siccità, purché esposta al riparo dai raggi diretti del sole.

Un’ultima curiosità è legata all’uso medicinale dell’Edera, sebbene si tratti di una pianta fondamentalmente velenosa. Le foglie di questo sempreverde, opportunamente trattate, hanno proprietà balsamiche, espettoranti, antireumatiche, antinevralgiche, purgative, antibiari e sudorifere. L’infuso di foglie di Edera, invece, è particolarmente indicato per scurire i capelli e renderli più lucidi.

Come per le erbe medicinali, però, consigliamo di consultare un esperto prima di darsi alla cura fai da te, in modo da evitare spiacevoli controindicazioni.

Commenti (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.