Erbe officinali e infestanti a Castello Quistini il 3 aprile

di Valentina

Erbe officinali ed infestanti: domenica 3 Aprile l’Officina botanica di Castello Quistini darà modo a tutti gli appassionati di giardinaggio e di orticoltura di frequentare un corso in grado di insegnare loro come riconoscerle ed come utilizzarle.

C’è una verità dalla quale non possiamo sfuggire quando parliamo di erbe officinali: in molti casi queste piante tanto gradevoli da utilizzare possono arrivare ad infestare il nostro giardino se non ne conteniamo in qualche modo la crescita. Il corso organizzato nello stupendo roseto di Franciacorta nasce proprio per darci modo di riconoscere e gestire queste piante al meglio. Il corso, dal costo di 30 euro, si svolgerà dalle 14,30 alle 17,30: si partirà, sempre unendo teoria e pratica, dal riconoscimento delle erbe officinali e si passerà poi a discutere i loro utilizzi in cucina ed in fitoterapia.

Qualche esempio? Si imparerà a riconoscere il “Centocchio“, noto anche come “Paerina“, la sua diffusione fa impazzire tutti coloro che vogliono mantenere il giardino pulito, ma in pochi sanno che è perfetta contro  il prurito e l’eczema. O ancora il topinambur, che in molti luoghi viene addirittura coltivato in vaso. Un altro esempio? L’ortica. Non dobbiamo dimenticare che parliamo di un’erba spontanea dai mille utilizzi e dalle altrettante proprietà. Il corso sarà tenuto da Marilena Pinti, naturopata ed esperta di erbe spontanee che da 24 anni gestisce una azienda agricola a Sarezzo.

Un appuntamento da non perdere se si vuole imparare in poco tempo a riconoscere le piante del territorio ed il modo più semplice per utilizzarle nella vita di tutti i giorni.

Photo Credits | Radka1 / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.