Gerbera, l’eleganza in fiore

di Gioia Bò

Se volete un tocco di colore per il vostro giardino, ma non desiderate occuparvi a tempo pieno della vostra creatura, vi consiglio di optare per la coltivazione della Gerbera, pianta dai colori vistosi, che richiede pochissime cure.

Appartiene alla famiglia delle Asteracee e deve il suo nome al botanico tedesco Traugott Gerber. In natura ne esistono un centinaio di varietà erbacee e rustiche, sebbene la coltivazione della Gerbera sia mirata soprattutto alla produzione di fiori recisi.

Questo non significa però che non possiate avere la vostra bella pianta di Gerbera in giardino o in angolo della vostra casa. Basta attenersi a delle semplici regole relative alla collocazione ed all’innaffiatura e potrete godere della bellezza dei suoi fiori variopinti da maggio a settembre.

Come prenderci cura, dunque, della nostra pianticella? Scegliamo una posizione illuminata e moderatamente ventilata, avendo cura di collocare la Gerbera su un terreno ben drenato, che non trattenga l’acqua. I ristagni sono infatti i suoi peggiori nemici, poiché provocano l’antipatico marciume delle radici e la morte inevitabile della pianta.

Nelle zone a clima temperato la Gerbera può essere coltivata all’aperto, mentre in quelle particolarmente fredde sarà bene riparare la pianta durante l’inverno, per evitare che le gelate notturne la rovinino irrimediabilmente. In ogni caso, l’innaffiatura deve essere regolare, ma non abbondante, lasciando che il terreno si asciughi tra un’irrigazione e l’altra.

Come vedete, non è poi così difficile prendersi cura della nostra piantina, che ci ripagherà con una bellissima fioritura estiva, molto simile a quella della margherita, ma con petali dai colori brillanti, che vanno dal bianco al giallo, dal rosa all’arancio.

Infine un piccolo segreto per chi ama un tocco di colore anche durante il triste inverno. Se volete che la vostra Gerbera fiorisca nel periodo più freddo dell’anno, potete interrompere le innaffiature da maggio a settembre, avendo poi cura di concimare la pianta quando riprenderete la regolare irrigazione. Et voilà: magicamente il vostro inverno si vestirà di nuovi colori.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.