Giardini rocciosi o rock garden: le piante adatte

di Redazione

Prima di decidere quali piante utilizzare per il nostro rock garden è bene fare qualche considerazione sul clima e sulla piovosità del luogo per compensare eccessi o carenze di umidità atmosferica in relazione alle necessità delle piante, predisponendo l’uso di terra più o meno assorbente.

Per esempio, se nella zona il clima è molto asciutto e si intende creare un giardino roccioso di tipo alpino con piante che esigono umidità, è necessario che la terra di impianto sia molto coibente, ossia trattenga una discreta percentuale di acqua. Questa caratteristica si ottiene con l’aggiunta di circa 1/3 di torba alla terra normale.

Se invece si intende coltivare piante di tipo mediterraneo e, pur essendo in una regione meridionale, ci si trova in una zona dove piove di frequente, bisogna mescolare la terra a 1/3 di sabbia, elemento che favorisce il rapido deflusso dell’acqua.

È evidente che le singole piante devono essere curate come se fossero coltivate normalmente in aiuola o in vaso, ma è bene tener presente che la roccaglia esige nel suo insieme un’attenzione costante e quindi cure particolari, che possono essere così sintetizzate:

  • le annaffiature non devono mai essere somministrate  contemporaneamente su tutta la roccaglia, usando la canna da innaffio; infatti in tal modo, si correrebbe il rìschio di scalzare le piante non ancora ben radicate e di annaffiare in modo eccessivo anche gli semplari che richiedono acqua in dose ridotta. La cosa migliore è annaffiare il rock garden con l’annaffiatoio munito di tappo forato;
     
  • le irrorazioni devono essere praticate di frequente, meglio se giornalmente, servendosi di un vaporizzatore per fornire la necessaria umidità al fogliame ricreando,  per quanto possibile, le condizioni  climatiche congeniali alle pianticelle alpine o alle specie che vegetano spontaneamente sulle rocce a picco sul mare; quelle fatte con stimolante  ormonico  sono   preziose  per favorire lo sviluppo di questa o quella specie e quindi ottenere particolari effetti decorativi;
     
  • le concimazioni sono indispensabili per ottenere fioriture abbondanti e folti cuscini di verde;  devono essere praticate con  prodotti solubili, di natura minerale oppure organica, da sciogliere nell’acqua delle annaffiature; sono inoltre utili periodiche somministrazioni di solfato di ferro per mantenere un bel colore verde intenso al fogliame e impedire l’insorgere di fenomeni di clorosi;
     
  • la pulitura del rock garden deve essere frequente, tagliando e sfoltendo, eliminando foglie secche e portasemi, accorciando rami e rametti, per evitare che le corolle sfiorite o gli steli troppo allungati tolgano bellezza e grazia al delicato contrasto dei sassi con i fiori e la tappezzante superficie del muschio e della Sagina subulata (erba ideale per le roccaglie in ombra, mentre per le altre si consiglia la Dichondra repens). Infatti, la roccaglia deve presentarsi sempre perfetta, senza tasche vuote o esemplari invadenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.