Il giardino Zen

di Marion

Secondo la dottrina buddista, il giardino Zen è un luogo che simboleggia gli elementi naturali e facilita la meditazione comunicando calma e serenità. Non si tratta quindi di un semplice ornamento e la sua creazione e la  “manutenzione” presuppongono una adeguata conoscenza della filosofia orientale. Ciò premesso, il più semplice e noto dei giardini zen è il karesansui, detto anche giardino giapponese in stile paesaggio secco, composto da due soli elementi: la sabbia, che simboleggia l’oceano e le pietre  che rappresentano la terra, la vegetazione e gli animali marini sacri.

Nato in Giappone molti secoli fa, il giardino zen è sempre stato associato alla spiritualità buddista, tuttavia fu solo nel VI secolo d. C. che cominciò ad evolversi e ad assumere la valenza con la quale lo conosciamo oggi, quando cioè cominciò ad avere dimensioni maggiori, in modo che fosse possibile accedere al suo interno oltre che passeggiarvi intorno durante la meditazione, e i sacerdoti Zen cominciarono ad assegnargli la funzione di guidare verso una comprensione più profonda della dottrina.

Caratteristiche del karesansui

La sabbia  del giardino zen karesansui non è quella che troviamo comunemente nelle nostre spiagge, ma è costituita da granito o marmo bianco polverizzati e di tonalità uniformi. Il numero delle pietre è dispari e queste, levigate e prive di spigoli, devono essere disposte in modo armonico ma asimmetrico in base alla propria sensibilità.

Dopo aver aggiunto le pietre la sabbia va rastrellata in modo continuo senza mai fermare il rastrello e sempre in avanti in modo da creare percorsi visivi uniformi e privi di interruzioni che percorrono il giardino in tutta la sua lunghezza e si snodano armoniosi intorno alle rocce che rappresentano la longevità, l’immortalità, la salute. Talvolta possono essere aggiunti piccoli ponti che simboleggiano il passaggio attraverso il mare e l’acquisizione di ciò che potremmo definire un punto di vista diverso sulle cose.

Ogni qual volta che si aggiunge un elemento o si modifica l’orientamento della sabbia ciò ha un profondo significato e coincide con la meditazione stessa.

In commercio si trovano dei giardini Zen in miniatura chiamati bonseki.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.