Tecniche di moltiplicazione: “innesto a gemma” e “innesto a marza”

di Redazione

Come abbiamo gia visto nell’articolo  “Tcniche di moltiplicazione: l’innesto” l’innesto può essere costituito da una semplice gemma comple­tata da una porzione di corteccia o di legno, oppure da un rametto provvisto di varie gemme, secondo la tecnica impiegata per eseguire l’operazione. Si possono così rea­lizzare vari tipi di innesti, oggi vedremo nella fattispecie, l’innesto a gemma e l’innesto a marza.

Negli innesti a gemma: si utilizzano gemme prele­vate dai rami di un anno. Gli innesti a gem­ma si eseguono in primavera e in questo caso si dicono «a gemma vegetante», per­ché dal punto di innesto si sviluppa subito un germoglio.

Quando l‘innesto si esegue in agosto, viene detto a «gemma dormiente», perché la na­scita della vegetazione dotata dei caratteri della pianta da cui l’innesto è stato tolto, av­verrà soltanto nella successiva primavera. L‘innesto a gemma può essere eseguito se­condo varie tecniche:

  • a occhio, detto anche «a scudo» e  «a scu­detto»: il nesto consiste in un pezzo di cor­teccia portante una gemma, che viene inse­rito sul portinnesto in cui è stato praticato un taglio a T;
  • a pezza, noto pure come «innesto a toppa» o a «tassello»: dal portinnesto viene prele­vato un rettangolo di corteccia, che viene sostituito con uno proveniente dal nesto;
  • ad anello o «a zufolo»: la porzione di cor­teccia prelevata dal nesto consiste in un anel­lo completo;

Gli innesti a marza prevedono l’utilizzazione di un pezzetto di ramo provvisto di varie gem­me. Questo tipo di innesto si esegue di soli­to in primavera e comprende le seguenti tec­niche:

  • a spacco comune: si inseriscono due o quat­tro porzioni di ramo;
  • a spacco terminale: si esegue di solito all’a­pice dei rami;
  • a sperone: questo tipo d’innesto serve a in­serire un rametto lungo un tronco; a cavallo: è simile all’innesto a spacco co­mune, solo che lo spacco viene fatto sul nesto;

Commenti (2)

  1. suggeritemi l’inesto più adatto per il ciliegio
    grazie oliver

    1. Dipende dal tipo di ciliegio. Ma ti riferisci al portainnesto o alla tecnica da utilizzare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.