Orto, come combattere l’eccessiva pioggia primaverile

di Valentina

La primavera, oltre che un innalzamento delle temperature, spesso porta anche un tempo meteorologico considerabile “pazzerello” rispetto agli standard di normalità stagionale. Cerchiamo di capire come combattere in maniera adeguata l’eccessiva pioggia primaverile, quando occorre.

Bisogna partire da un presupposto: i danni che una precipitazione improvvisa e copiosa possono creare. Una pioggia battente è in grado distruggere il letto di semina delle nostre aiuole, soprattutto nel caso in cui i canali di scolo non siano ben congegnati e costruiti e si formino sul terreno tratti di vero e proprio “ruscellamento”, e contemporaneamente è capace di dilavare le sostanze nutritive, fertilizzanti di copertura comprese. Con l’innalzamento della temperatura poi, le piogge compattano il terreno, formando delle croste se “l’asciugatura” dello stesso è troppo veloce.

Uno dei rimedi più sicuri e semplici da mettere in atto è quello dell’utilizzo del tessuto non tessuto sul letto di semina. Per sua composizione infatti, questo materiale consente all’acqua di passare attraverso di esso e bagnare il terreno, da là possibilità alla luce di filtrare ed addirittura fa in modo tale che la temperatura si mantenga di almeno due gradi superiore rispetto a quella ambientale, senza contare che compattamento del terreno, dilavamento dei nutrienti e ruscellamento vengono adeguatamente contrastati.

Fermo restando la capacità di questo tessuto di risolvere in modo abbastanza soddisfacente i problemi derivanti dalle eccessive piogge primaverili, soprattutto se si è dei neofiti, il nostro consiglio è quello di provvedere alla costruzione di canali di scolo degni di questo nome. L’orto, o meglio le sue aiuole di semina necessitano di un approccio di questo genere. Incanalare le vie di fuga dell’acqua può aiutare a drenare l’acqua in eccesso abbattendo la maggior parte delle problematiche relative alle piante causate da un drenaggio insufficiente. Sebbene sarebbe consigliato ricavare i canali di scolo contestualmente alla creazione degli spazi ortivi, si è sempre in tempo nel costruirli per fare il “bene” delle proprie colture.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.