Piante a crescita veloce con gene modificato?

di Valentina

Piante a crescita veloce con gene modificato? Potrebbe essere una soluzione praticabile in futuro, soprattutto grazie allo studio recentemente condotto dagli scienziati australiani della Queensland University of Technology (QUT): la loro sperimentazione potrebbe aprire alla coltivazione di piante ed ortaggi in condizioni estreme.

Quel che è facilmente osservabile è che in diversi luoghi del mondo la coltivazione di un orto o di vegetali per consumo umano è molto complicata: la mancanza di acqua gioca un brutto tiro all’agricoltura. Le cose cambierebbero se si riuscissero a produrre delle piante geneticamente modificate in grado di velocizzare il loro tempo di germinazione e di crescita. In tal senso i ricercatori australiani da questo punto di vista sono decisamente all’avanguardia: hanno lavorato in laboratorio su una pianta che possiede queste caratteristiche dalla nascita. Parliamo della Nicotiana benthamiana che da anni viene utilizzata come cavia. Si tratta di una specie molto simile al tabacco dotata di una particolarità: è facilmente “contaminabile” in quanto a DNA. Questo la rende a rischio di malattie ma le consente, proprio per il difetto riscontrabile nel suo acido desossiribonucleico, di germinare e crescere in modo veloce. Tutto a causa di un gene per l’appunto.

E’ evidente che questa scoperta apre una serie di opzioni da poter sfruttare: non per ultima la possibilità di creare delle piante OGM da coltivare magari in ambiente protetto per quelle zone del pianeta nelle quali creare un orto rappresenta un problema idrico. Gli scienziati australiani avevano pensato ad un’applicazione nello spazio. Riuscire in una terrena sarebbe consigliabile però.

Photo Credits | SINITAR / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.