Agricoltura del futuro? Con i Google glass

di Valentina

L’agricoltura del futuro? Si baserà sull’uso dei Google glass come dispositivo in grado di analizzare al millimetro le colture, aiutando colui impegnato nella coltivazione ad ottenere uno sviluppo degli ortaggi perfetto e privo di problematiche.

Immaginate di poter individuare malattie e parassiti o capire con un semplice sguardo se gli ortaggi hanno bisogno di acqua. Su questo preciso tema gli sviluppatori di Google sono al lavoro da anni, soprattutto per ciò che concerne la gestione dei Google Glass. E un’ app appare essere davvero interessante tra quelle attualmente disponibili: parliamo di IntelliSCOUT ed è stata presentata lo scorso febbraio addirittura al Presidente francese Hollande (come ricorda il Tgcom, N.d.R.) Qualcosa è ancora suscettibile di miglioramento, ma le potenzialità che si aprono con il suo utilizzo sono innumerevoli e di pregio. Già ora l’applicazione della tecnologia all’agricoltura ha portato ad un incremento della produttività. Già solo rendendo possibile l’immediata visione delle informazioni con i Google glass ha portato gli agricoltori a poter migliorare la qualità delle loro coltivazioni: immaginare i traguardi raggiungibili con una maggiore capacità di analisi toglie il fiato.

Applicando seriamente la tecnologia alle coltivazioni, magari affidandosi a droni e robot per le mansioni più dure relative all’orto ed al terreno, si avrà una maggiore spinta ( e più tempo disponibile, N.d.R.) per mettere a punto nuovi metodi di coltivazione, la varietà di colture da scegliere, valutare il giusto utilizzo dell’acqua. E ancora studiare e modificare la fertilità del suolo e l’impatto ambientale delle proprie coltivazioni, oltre a divenire in grado di reagire in maniera più veloce e calibrata ai problemi dettati dal clima.

Photo Credits | funkyfrogstock / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.