Piante grasse, le cure in autunno

di Valentina

Spread the love

Oggi parleremo di piante grasse e delle cure da applicare loro in autunno per renderle capaci di affrontare con adeguato spirito l’inverno, mantenendole rigogliose ed intaccate nella sua natura. Primo elemento da ricordare: la maggior parte di queste succulente entrano, come le normali piante da giardino, in riposo vegetativo.

Questo non significa che tutte le piante seguano lo stesso iter. Ad esempio molti mesembriantemi  iniziano proprio in questo periodo a fiorire. Ciò non toglie, vogliamo rassicurare i neofiti del giardinaggio, che in questo momento è necessario sospendere le concimazioni e rallentare le innaffiature. Mi raccomando, continuate a tenere in piena luce le piante che tenete all’interno ed iniziate a mettere al riparo dalla pioggia le piante grasse che tenete all’esterno. Intorno alla fine del mese iniziate a portarle al chiuso.

Non pensate erroneamente che parassiti e lumache possano attaccare solo le piante dotate di foglia tradizionale. Prima di portare le piante all’interno verificate che non ve ne siano di nascosti sotto il bordo dei vasi. Dovete essere più “furbi” di questi insetti ed animali se volete mantenere al meglio la salute delle vostre succulente. In questo mese, per darvi un idea, e fino alla metà di novembre si devono eseguire solo due innaffiature al fine di non arrecare danno alla pianta.

Questo periodo di ottobre è possibile eseguire la semina di tutte quelle piante che hanno come periodo di crescita l’autunno o l’inverno. Ricordate: preferibilmente vasi larghi e bassi ed una miscela di coltura composta da 1/3 di terriccio universale e 2/3 di materiale inerte quale sabbia, pomice, ghiaia, lapillo, argilla espansa.

Se ben curate, le piante grasse possono dare il meglio di loro anche in inverno, periodo nel quale solitamente si pensa che tutto debba essere brullo ed non rigoglioso. Se possedete tra le vostre piante delle cactacee, iniziate a prendere in considerazione per il periodo invernale, una sorta di “impianto di riscaldamento” per i vostri esemplari, al fine di consentire loro una buona sopravvivenza.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.