Cosa seminare a febbraio, le carote

di gianni puglisi

La carota, il cui nome botanico è Daucus carota, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Umbelliferae tipica delle zone a clima temperato, che viene utilizzata soprattutto come ortaggio.

Le carote possono essere seminate tutto l’anno a seconda delle zone: le regioni meridionali possono essere seminate all’aperto già a febbraio, in modo da ottenere una semina primaverile, a patto di coltivarle in un luogo soleggiato e riparato dal vento; se le condizioni climatiche non permettono una semina in questo periodo, potete effettuarla da aprile a maggio per avere una raccolta estiva oppure da fine agosto alla fine di ottobre per una produzione autunnale e invernale.

Precedentemente, vi avevamo spigato come coltivare le carote in vaso, oggi vediamo come seminarle in piena terra.

Come seminare le carote

Le carote prediligono i terreni calcarei, fertili e umidi; prima di procedere con la semina bisogna lavorare bene il terreno in modo da farlo diventare soffice e sminuzzato in modo da permettere alle radici di svilupparsi nel modo migliore; anche la pulizia dalle erbe infestanti è molto importante, in modo da permettere la crescita delle piantine nel modo migliore.

La semina delle carote può essere effettuata a spaglio, anche se non è molto consigliato in quanto non sarebbe possibile effettuare i lavori di diserbo e di sarchiatura; il modo migliore è quello di seminarle in buche della profondità di un paio di millimetri ad una distanza di 5 centimetri l’una dall’altra, e di 20 centimetri tra una fila e l’altra.

La raccolta delle carote dipende, ovviamente dal periodo della semina; la raccolta avviene tramite estirpazione, dopodiché le carote devono essere lasciate essiccare in un locale areato; a questo punto vanno pulite dal terriccio e conservate in un luogo in cui la temperatura non scenda al di sotto dello zero all’interno di cassette. Nei periodi di siccità le carote devono essere annaffiate abbondantemente facendo attenzione a non lasciare ristagni idrici nel terreno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.