Tentredine dei germogli, parassita delle rose

di Valentina

Le rose sono senza dubbio tra i fiori più amati comunemente dalle persone. Purtroppo per loro sono anche le piante più attaccate dai parassiti in generale, che trovano molto “succose” diverse loro parti. Tra di loro nel periodo estivo, abbiamo anche la tentredine dei germogli.

Parliamo di un piccolo ma insidioso insetto facente parte dell’ordine degli imenotteri e della famiglia dei tentredinidi che sceglie come ospite esclusivo proprio le nostre amate rose. Gli adulti, in entrambi i sessi, sono degli animaletti di lunghezza pari circa a 5-6 millimetri dotati di un corpo di colore nerastro con le tibie delle zampe bianco sporco. Non vengono chiamate per nulla tentredini dei germogli.

Quando la pianta è attaccata da questi insetti è possibile vedere pian piano i germogli appassire e disseccarsi. E se in caso di piccole infestazioni il danno estetico è facilmente “riparabile” attraverso una particolare manutenzione della pianta, quando l’attacco è molto esteso, le piante rischiano non solo la sterilità ma una mancata fioritura con perdite del cimale. Il ciclo biologico della tentredine dei germogli è insidioso quanto la sua natura. Gli adulti infatti dopo aver svernato nel terreno come pupa, sfarfalla tra marzo ed aprile e le femmine ovidepongono all’interno delle giovani foglie. Questo fa in modo tale che da maggio a tutto settembre almeno le larve nei loro vari stadi possano liberamente cibarsi dei germogli minandone l’asse centrale attraverso delle gallerie nelle quali si insediano e si cibano. Questo insetto si produce in una sola generazione l’anno, ma decisamente pericola per i nostri cespugli di rose.

Purtroppo la lotta contro questo insetto è tutt’altro che facile. Gli interventi chimici di tipo diretto, anche con prodotti endoterapici non sono sempre utili per abbattere l’infestazione, soprattutto se non si agisce in maniera tempestiva all’atto della deposizione delle uova. Agire prima dell’insediamento delle larve sarebbe con consigliato, insieme all’eliminazione dei getti infestati della pianta.

Photo Credit | Plante Doktor

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.