La zucca più grande d’Italia

di Valentina

La zucca più grande d’Italia non sarà quella che intaglierete sicuramente da utilizzare per festeggiare Halloween, ma rientra senza dubbio nella categoria di quelli più affascinanti di cui sentirete parlare. E’ stata coltivata nel Chianti e vogliamo aiutarvi a conoscerla meglio.

Non viene specificato di che varietà sia, ma di sicuro la zucca coltivata da Stefano Cutupri, date le dimensioni raggiunte, non si discosta molto da un’Atlantic Giant se non appartiene a questa specie. E’ infatti quest’ultima a raggiungere tali dimensioni se adeguatamente coltivata: il primato per quella più grande al mondo, di questa varietà, è pari ad oltre 900 kg.

L’esemplare coltivato nel Chianti, è evidente, non si allontana molto dalla illustre “cugina” statunitense. Il Concorso Nazionale “Zucca Gigante” si è svolto a Pontedera ed ha visto diversi concorrenti presentare zucche di ragguardevoli dimensioni.  E cercando maggiori informazioni sulla zucca e sull’agricoltore che si è occupato di lei si scopre che dietro questa vittoria vi sono diversi anni di sacrifici e capacità tecniche non indifferenti da parte del coltivatore. Le sue radici infatti sono  state fortificate da un ceppo di Trichoderma harzianum proveniente dall’Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari del Consiglio Nazionale delle Ricerche italiano, fornito dall’azienda specializzata in microbiologia applicata all’agricoltura che da tempo collabora con l’uomo.

Grazie ad una collaborazione stretta con i suoi sponsor il contadino è stato in grado di far crescere questo splendido esemplare fino alle dimensioni che hanno portato alla sua vittoria.  A tutti coloro che non hanno tali capacità e possibilità suggeriamo di dedicare la propria attenzione a varietà meno impegnative ma altrettanto interessanti.

Photo Credits | Jack Aiello / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.