Piante grasse, come nutrirle e moltiplicarle

 
Roberta
22 gennaio 2010
2 commenti

piante grasse

Negli articoli di questi giorni abbianmo abbondantemente trattato l’argomento “piante grasse”, partendo dal terreno più adatto a loro, spiegando come annaffiarle, ed in fine come prendersene cura e quando effettuarne il rinvaso.

Quest’oggi vedremo invece come nutrire al meglio le “nostre piccoline” e come ottenerne delle nuove.

Iniziamo proprio dal nutrimento più adatto:

al momento dell’impianto è bene mescolare al terriccio un po’ di concime organico in polvere, secondo le dosi indicate sulla con­fezione di ogni prodotto.

Durante il periodo vegetativo, con scaden­za mensile, è opportuno aiutare le piante con fertilizzante minerale solubile (metà dose della quantità indicata sulla confezione del prodotto) aggiunto a estratto di alghe (sem­pre in quantità dimezzata rispetto a quella indicata).

Da aprile a ottobre è bene aggiungere alla acqua delle normali irrorazioni lo stimolante ormonico (5 gocce ogni litro d’acqua) per provocare la formazione di nuovi germogli, di bocciuoli e anche per mantenere salute e freschezza a tutto l’esemplare.

Vediamo ora, come ottenere delle nuove piantine grasse:

moltiplicare, ossia ottenere nuove piante da un esemplare di pianta grassa non è molto difficile.

Di solito si usa ricorrere alle talee, ossia all’interramento di un ramo o di una «foglia» sino all’emissione di radici e, quin­di, sino alla formazione di un nuovo sogget­to perfettamente autonomo. Le parti staccate, ossia le talee, debbono sta­re per qualche giorno su un’assicella all’om­bra per far sì che il lattice che esce dalla «ferita» del tessuto, coaguli completamen­te. Solo allora la talea potrà essere posta in terra molto sabbiosa, collocando il vaso in luogo ombroso e riparato dalla pioggia.

Du­rante il periodo di radicamento il terriccio deve essere mantenuto fresco, ma non trop­po bagnato, annaffiando pochissimo ma di frequente. Gioverà anche irrorare ogni due giorni le talee servendosi di un vaporizzatore. Per favorire la più rapida formazione di ra­dici è consigliabile immergere la parte ter­minale delle talee, ossia la parte che deve essere interrata, nella speciale polvere ormo­nica che serve appunto a far attecchire le talee con maggior forza e in minor tempo.

Il periodo migliore per eseguire la moltipli­cazione delle piante grasse va da giugno ad agosto.

Articoli Correlati
YARPP
Camelie, come moltiplicarle

Camelie, come moltiplicarle

Le camelie si possono moltiplicare per innesto, per seme o per talea. Mentre la moltiplicazione per innesto è senz’altro maggiormente indicata per i giardinieri esperti, la talea è una tecnica […]

Ninfee, è il momento di moltiplicarle

Ninfee, è il momento di moltiplicarle

Se avete un laghetto o un vasca d’acqua in giardino e lo avete abbellito con delle splendide ninfee il mese di giugno è il momento ideale per procedere alla loro […]

Piante grasse, come prendersene cura e quando effettuare il rinvaso

Piante grasse, come prendersene cura e quando effettuare il rinvaso

   Un’altra importante precauzione che è bene osservare quando parliamo di piante grasse, è quella di effettuare frequenti controlli delle piante, per constatare tempestiva­mente l’eventuale presenza di parassiti o di malattie crittogamiche. […]

Piante grasse, tutto ciò che c’è da sapere iniziando dal terreno più adatto

Piante grasse, tutto ciò che c’è da sapere iniziando dal terreno più adatto

Cominciamo col dire che le piante comune­mente chiamate grasse in realtà non lo so­no affatto (esse contengono infatti la minor percentuale di grassi di tutte le specie che compongono il […]

La propagazione delle piante grasse

La propagazione delle piante grasse

La propagazione delle piante grasse è piuttosto facile; la moltiplicazione vegetativa è la tecnica più rapida per ottenere nuove piante ed è l’unico sistema per poter riprodurre gli ibridi. La semina […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1daniela

    Io ho appena comprato 10 piante grasse molto piccole e,non le ho ancora travasate ma vorrei sapere cosa dovrò fare quando le avrò travasate,come nutrirle e dove tenerle.come devo fare?grazie vorrei una risposta al più presto per favore

    (chi vi ha scritto è mia figlia leila di 10 anni)

    18 lug 2011, 08:22 Rispondi|Quota
    • #2Marion

      Ciao Leila! Per prima cosa ti servirà un vaso molto grande se vuoi piantarle tutte insieme. Altrimenti puoi rinvasarle in vasi diversi a gruppi di due o tre. Prima del rinvaso metti sul fondo del contenitore uno strato di ghiaia fine (che tu e mamma potete comprare al negozio di giardinaggio). Dopo il rinvaso annaffiale di tanto in tanto (ogni 15 giorni va bene), con poca acqua a temperatura ambiente.
      I vasi sistemali in un posto molto luminoso e caldo. Una volta al mese puoi concimare con il concime specifico per piante grasse. Quando saranno cresciute abbastanza (fra circa un anno) devi cambiare di nuovo il vaso; però mi raccomando ricorda di usare un bel paio di guanti spessi! Spero di esserti stata d’aiuto. Fammi sapere.

      18 lug 2011, 18:18 Rispondi|Quota