Antracnosi, come combatterla

di Valentina Commenta

L’antracnosi è una malattia fungina delle piante causata da funghi del genere Collitrico. Per tal motivo la patologia è conosciuta anche sotto il termine di colletotricosi. Questo agente patogeno sfrutta le ferite prodotte dagli agenti atmosferici o dalla caduta delle foglie per entrare nella pianta.

antracnosi

Essa si propaga con facilità grazie alle spore che rimangono inerti sul terreno e che riescono a sopravvivere anche alle basse temperature dell’inverno. Il Colletoctrichum lindemuthianum agisce con maggiore solerzia in primavera, con grazie ad una crescita della temperatura e della relativa umidità. In questo periodo l’aggressione è più di sovente nei confronti di germogli e foglie più giovani, mentre i rami più importanti possono essere colpiti nel corso dell’intero anno.

Sintomi antracnosi

I sintomi dell’antracnosi consistono nell’ispessimento delle foglie e nella loro deformazione, accompagnate da macchie tondeggianti color ruggine che sfociano poi in necrosi. Nei casi più gravi si arriva alla defogliazione ed alla morte della pianta.

Come combattere l’antracnosi

Agire in maniera veloce è il segreto per combattere la malattia. E’ necessario prima di tutto eliminare le foglie colpite disinfettando le forbici prima di ogni taglio per non contaminare nuovamente la pianta ed in seguito utilizzare un prodotto fungicida a base di rame o zolfo o in alternativa prodotti triaziolici o propiconazolo. Se ad essere colpito è un ortaggio non si può pensare di recuperare la pianta. Per evitare di far ammalare le altre è necessario eliminarlo e bruciarne i resti.

Questo fungo non è particolarmente esigente nella scelta delle piante da infestare.

Photo Credit | Wikipedia

google-max-num-ads = "1">