Fresia, il segreto del migliore profumo francese

di Redazione

La fresia è sicuramente una delle piante più apprezzate per la bellezza dei fiori e il loro soave profumo, ancor più preziose per la possibilità di far schiudere queste delicate corolle in pieno inverno, grazie a un sem­plice sistema di forzatura attuabile solo in serra.

Ma passiamo al nome scientìfico della fre­sia, nome che ricorda il naturalista tedesco F.H. Theodor Freese vissuto nell’ ‘800 e che si dedicò in modo specifico allo studio del­la flora spontanea del continente africano. Nei paesi di origine le corolle della fresia vengono impiegate per intrecciare collane e ghirlande che vengono indossate durante le cerimonie rituali.

Alla fresia vengono anche attribuiti poteri magici e particolari influssi sull’animo fem­minile, per cui non è raro che gli stregoni ordinino pozioni o unguenti in cui il pro­fumo delle fresie assume un ruolo predomi­nante.

A proposito di profumo, è opportuno ricor­dare che dai fiori di cui stiamo parlando, si estrae una preziosa essenza che entra come base nella formula delle più note e costose essenze francesi.

Le fresie, come è evidente, non costituisco­no un elemento decorativo degno di nota per quanto riguarda giardino e balcone, men­tre rappresentano una delle più delicate ed eleganti corolle ornamentali per composi­zioni fiorite.

Infatti, i fiori della fresia si accompagnano in modo gradevole con corolle di altra spe­cie, riuscendo ad armonizzare fra loro le tinte anche molto vivaci e a creare una sor­ta di legame tra la forma dei vari petali. D’altra parte, le fresie stanno molto bene anche se collocate da sole in un vaso adatto, ossia in un recipiente di linea semplice e slanciata, meglio se in vetro o in ceramica di colore piuttosto scuro. Da evitare, comun­que, i vasi in più tinte, quelli di forma trop­po moderna ed eccessivamente massicci.

La fresia, come tutte le bulbose, non ha bi­sogno di troppe cure, tuttavia se si vogliono ottenere esemplari robusti con fogliame abbondante e fioritura copiosa è necessario at­tenersi alle seguenti norme:

  • il terreno deve essere molto sofficee lavo­rato in profondità;
  • la concimazione va eseguita con prodotto or­ganico in polvere almeno quindici giorni pri­ma della data di impianto dei bulbi; in se­guito, dopo la fioritura, somministrare due o tre volte, a distanza di dieci giorni, con­cime minerale completo solubile per dar modo ai bulbi di recuperare le scorte nutri­tive disperse durante il periodo dell’emissio­ne dei fiori;
  • la piantagione non deve essere rimandata oltre i primi giorni di dicembre per evitare che la fioritura avvenga troppo tardi, quando il sole già molto caldo potrebbe sciupare rapidamente le corolle;
  • le annaffiature devono essere somministrate regolarmente dal risveglio vegetativo alla fioritura; inoltre, durante l’inverno, nelle re­gioni più calde, giova somministrare qualche lieve annaffiatura, ma con molta moderazio­ne perché le fresie temono l’umidità sta­gnante;
  • l’estrazione dei bulbi dal terreno deve esse­re eseguita quando il fogliame accenna a in­giallire e ad essiccare; i bulbi vanno riposti in luogo non umido ma fresco, meglio se in cassettine piene di torba asciutta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.