Natale 2013, esotico con il Pomelo

di Valentina

Spread the love

E’ tradizione di solito in molte famiglie, con l’arrivo del Natale, approvvigionarsi di frutta sfiziosa e di tante piccole leccornie. Vogliamo approfittarne, in tal senso, per suggerirvi un frutto davvero particolare, esotico, ma dal gusto speciale: il pomelo.
Un nome davvero particolare, vero? Il pomelo è un agrume, anzi, per la precisione è il più grande degli agrumi e forse quello più dolce che madre natura ci ha fornito in tal senso. Purtroppo date le sue caratteristiche non viene considerato tantissimo, nonostante tra le varie peculiarità possegga il fatto di essere un toccasana per la salute grazie alle quantità di vitamina C contenute al suo interno. Il perché non è così diffuso nelle nostre tavole è presto detto: i suoi frutti sono grandi dai 15 ai 30 cm di diametro e possono arrivate a pesare, tenetevi forte, fino ad 8 chili!

Qui in Italia di solito i pomeli sono disponibili in negozi che trattano cibo etnico ed è uno vero peccato perché data la nostra collocazione geografica, nelle zone meridionali d’Italia potremmo coltivarlo con facilità. Invece attualmente nella maggior parte dei casi importiamo questo gustoso antenato del pompelmo dalla Cina dove viene utilizzato moltissimo. Il pomelo maturo non è assolutamente acido, e la sua dolcezza lo rende ancor più buono al consumo del pompelmo. Pelare questo grandioso frutto di quasi 8 chili non è difficile: la buccia si separa con facilità dal resto. Certo, per godere del suo sapore dovrete eliminare la sostanza spugnosa bianca che lo avvolge, ma a differenza di quella degli agrumi che siamo abituati a consumare, questa è molto alta e facilmente removibile, un grandissimo strato che lo contiene come una culla con un bambino.

Non demordete davanti a questo unico piccolo impedimento. Assaggiarne uno vi lascerà davvero di stucco piacevolmente. Noi già immaginiamo a presentare in tavola questo frutto nel corso del cenone natalizio.. da lasciare tutti a bocca aperta.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.