Significato dei fiori: la bardana

di Valentina

Spread the love

Oggi, continuando il nostro viaggio nel mondo del significato dei fiori parleremo della bardana. Un fiore molto caratteristico, forse non considerabile bello nel senso classico del termine, ma davvero interessante nella sua composizione e nel suo significato. Un fiore “appiccicoso”, nel vero senso della parola, e che in questa sua “peculiarità” contiene tutto il suo significato.

Non molti conoscono questa fioritura, quindi descriviamone brevemente le caratteristiche. È una pianta ricurva e dotata di una radice cilindrica imponente e un fusto robusto. Le sue foglie, tra il verde e grigiastro, sono molto grandi alla base e più piccole man mano che ci si avvicina all’apice. I fiori, di color porporino, sono racchiusi in un involucro uncinato e poco appariscenti. La fioritura avviene in estate e grazie alla sua tendenza a nascere spontaneamente, in particolare nei terreni incolti e ad ogni altezza viene considerata una pianta infestante, sebbene dalle caratteristiche fitoterapiche molto sviluppate.

Abbiamo detto che il fatto di essere appiccicosa connota il suo significato. Niente di più vero, visto che nel linguaggio dei fiori la bardana esprime riservatezza e ritrosità, proprio per la tendenza naturale che le persone hanno nel non entrarne in contatto. Nell’antichità il succo di questa pianta veniva utilizzato per allontanare gli insetti e per difendersi dalle loro punture. Alcune popolazioni ne cuocevano le foglie nel latte a crearne un cataplasma al fine di utilizzarlo come “antibrufoli” e contro le imperfezioni della pelle.

Era conosciuta tra gli antichi Bretoni come “erba del grembo”, ma si pensa che questo nome sia nato a causa della confusione fatta tra i termini “bardane” (francese) e “barlen”(bretone), che significa appunto ventre. In Europa, nel medioevo, le foglie di questa pianta venivano utilizzate, una volta polverizzate nel vino, come oggi usiamo il burro di cacao. Piccola curiosità: sembra che sia stata la bardana a dare ispirazione all’inventore del velcro.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.