Le piante carnivore aiutano a tenere lontane le zanzare

di gianni puglisi

Diciamocelo pure: ogni mezzo è lecito per liberarsi delle odiose zanzare che d’estate ci pungono senza sosta! C’è chi cerca di difendersi con l’aiuto di spray, polveri e fornelletti: insomma i metodi per tenere lontane le zanzare sono i più disparati, ma ricordatevi che un aiuto in questo senso ci viene dalle piante, e in particolare da quelle carnivore, che nutrendosi di insetti ci aiutano a tenerli lontani, zanzare comprese.

Le piante carnivore sono delle piante erbacee che si nutrono di insetti come risposta alla carenza di nutrienti tipica del loro habitat: esse, infatti, ricavano il loro sostentamento dalla digestione delle proteine degli insetti. 

Le piante carnivore sono piante che attirano gli insetti grazie alle loro foglie particolari , e non pensate che si trovino solo in Paesi tropicali: ci sono anche da noi, soprattutto nelle zone dal substrato senza nutrimento e nelle ex torbiere.

Tra le carnivore più diffuse c’è la Drosera, che in Italia si trova negli Appennini; l’insetto è attratto dalla sostanza zuccherina emanata da alcune ghiandole, si appoggia sulle foglie e rimane appiccicato e più si muove e più la pianta lo inghiottisce. Poi c’è l’Utricolaria che, invece, si trova sulle Alpi; questa pianta è dotata di sacche che risucchiano all’interno gli insetti. La Sarracenia, invece, produce una sostanza zuccherina che attira l’insetto e non gli permette di uscire. Perfetta per catturare mosche e zanzare è la Dionaea che è dotata di foglie che assomigliano a una grande bocca.

Avete deciso di procurarvi una pianta carnivora per combattere le zanzare? Bene, sappiate che la loro coltivazione è molto semplice; queste piante amano l’umidità, d’estate potete tenerle all’aperto mentre d’inverno dovrete ricoverarle in casa. Molto importante è garantire loro l’acqua nel sottovaso in modo da tenere umido il terreno. Considerando che, generalmente, queste piante costano poco vi assicurerete un insetticida naturale molto semplice ed economico.

 

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.