Raccolta delle olive e vendemmia: quale prima?

di Valentina

Oggi vogliamo affrontare un “problema” che chi abita in campagna e non può contare su una preparazione ampia in tal senso potrebbe trovare difficoltoso gestire. Si tratta inoltre di un’ottima maniera per ricordarvi le regole base di questi due importanti lavori, quindi non ci faremo sfuggire l’occasione. Ipotizzate di possedere delle piante di vite cariche di uva e degli alberi di ulivo: iniziate dalla vendemmia o dalla raccolta delle olive?

Attorno a voi, sicuramente, i contadini più esperti avranno iniziato a fare sia l’una che l’altra cosa, mandandovi nel panico perché già penserete che state sprecando i vostri raccolti. Tranquillizzatevi, lo fanno perché sicuramente ne hanno davvero tante di piante.  In base al clima italiano ed alla classica tipologia di uva nostrana posso dirvi che in linea di massima siete in tempo per effettuare entrambe le lavorazioni. Vi suggerirei però, per esperienza personale, di dare la precedenza alla cura delle vostre viti.

A seconda del loro essere più o meno tardive, le uve ad ottobre sono più che pronte per essere raccolte, anche se ne avete pochi grappoli. Se avete comprato un appezzamento con delle uve da vino, in base alla loro quantità potete mettervi d’accordo con un contadino vostro vicino e donargli l’uva in cambio di vino una volta pronto. O se ne avete poco, potete lanciarvi nell’impresa di pigiarla artigianalmente e prepararvi un mosto cotto ( o ricette similari, N.d.R.) se non sapete vinificare. Se al contrario avete uva da tavola: coglietela, pulitela, e consumatela. Il sapore dell’uva fresca, appena colta e non trattata è spettacolare. Importante, scegliete il metodo di vendemmia più adatto alla tipologia ed alla quantità delle vostre piante.

Appurato che è sempre meglio dare la precedenza alla vendemmia, passiamo ora alla raccolta delle olive: un terreno pulito e dei teli stesi rappresenteranno la base da cui partire. La tecnica da scegliere è anche in questo caso legata alla tipologia di piante, come vi abbiamo già indicato in un nostro vecchio articolo. A meno che non abbiate alternative (e fino a novembre inoltrato in linea di massima le avete, N.d.R.) non cogliete le vostre olive dopo dei forti acquazzoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.