Significato dei fiori: l’acanto

di Valentina

I fiori e le piante possiedono tutti un linguaggio segreto, una simbologia che gli uomini danno loro in base a leggende, storie popolari o semplicemente perché ispirati dal loro aspetto estetico. Oggi per la nostra rubrica sul significato dei fiori parleremo dell’acanto, una pianta erbacea di notevoli dimensioni che originaria dell’Africa e dell’Asia nei loro climi più secchi, nasce spontanea anche nel sud della nostra penisola da tempo immemorabile.

Per molti secoli ha rappresentato e tuttora rappresenta un ottimo compendio decorativo, soprattutto grazie alle sue foglie dall’aspetto molto decorativo, di forma lunga ampia e dentellata. Sembrano quasi disegnate da un artista. E proprio per questo loro aspetto già nell’antichità venivano riprodotte come ornamento nelle opere scultoree e pittoriche.

L’acanto è una pianta apprezzata anche in ambito fitoterapico: i suoi infusi di foglia sono ottimi per regolarizzare la digestione ed aiutare il fegato nelle sue funzioni. Ha tra l’altro il pregio di stimolare l’appetito. Impacchi ed emulsioni sono rispettivamente di aiuto nel trattamento dei duroni (e delle verruche) e come calmanti e cicatrizzanti.

Nel linguaggio dei fiori esso simboleggia prestigio e benessere. Come ogni fiore diffuso fin dall’antichità, anche l’acanto può contare su diverse storie e leggende che la riguardano. Una tra tante è quella che spiega la scelta di utilizzare le sue foglie come ornamento delle colonne di stile corinzio.  Si narra che lo scultore greco Callimaco, mentre passeggiava dopo una dura giornata di lavoro, scoprì, sulla tomba di pietra di un bambino, una pianta di acanto che cresceva tutta avvolta intorno a un piccolo paniere di offerte votive. La bellezza di questa scena, concretamente poetica nel suo sviluppo, sarebbe stata la primaria ispirazione dello scultore nel creare l’ordine architettonico corinzio.

Un’altra leggenda vuole che fosse stato lo stesso Virgilio ad immaginare Elena di Troia con un vestito drappeggiato di foglie d’acanto nel corso delle sue peripezie. Quel che è certo è che in ogni contesto l’acanto mostra la sua naturale bellezza.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.