Significato dei fiori: l’aglio

di Valentina

E’ considerata quasi sempre e solamente una pianta da orto, alimentare. L‘aglio, come ogni vegetale che si rispetti ha una propria fioritura, a prescindere dall’uso culinario che noi facciamo dei suoi bulbilli e che come tale possiede un significato specifico nel linguaggio dei fiori. Un significato che cambia di luogo in luogo ma soprattutto in base all’epoca presa in considerazione. Rimanete con noi, scoprirete alcune sue caratteristiche che non avreste mai immaginato.

Partiamo da ciò che riguarda l’immaginario collettivo. Per decenni Hollywood ed alcune tradizione est-europee ce l’hanno presentata come una pianta in grado di proteggerci dal male, ed in particolare da quegli esseri succhiasangue chiamati vampiri. Motivo oer il quale i fiori rappresentano “protezione”,  fortuna in alcuni casi. L’iconografia cinematografica e l’arte hanno esasperato il concetto portando l’ìntero bulbo a divenire importante il tal senso, al punto di coinvolgerlo in vere e proprie collane composte con le trecce d’aglio.

Non molti sanno però che nell’antica Grecia questa pianta era considerata una pianta legata inferi ed in particolare alla Dea Ecate, dea degli spiriti e “traghettatrice nel mondo dei morti delle anime, alla quale la pianta d’aglio veniva dedicata. Storia molto simile  stata riscontrata per Sokar, divinità egiziana, che nella cultura popolare portava gli adoratori di questo dio ad adornarsi con ghirlande d’aglio.

L’aglio ed i suoi fiori non hanno però sempre goduto di buona fama. anche adesso, in alcuni contesti, questa pianta è decisamente mal vista: i taoisti sostengono infatti che sia una pianta utilizzata come  nutrimento dai demoni. Alla stessa maniera, la filosofia orientale dell’o Yoga sostiene che ci si vuole avvicinare a questa strada di comprensione deve evitare di cibarsi di questo bulbo.

Piccola curiosità: gli storici sostengono che le virtù benefiche dell’aglio attribuite nei confronti di mostri come vampiri e simili, siano da attribuire al suo potere antisettico. Va ricordato infatti che l’aglio è un ottimo antibiotico naturale.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.