Bonsai, lo stile a ceppaia

di Valentina

Stili bonsai abbastanza facili da mantenere? Secondo noi in questo elenco rientra lo stile a ceppaia. Essenzialmente parliamo di diversi tronchi proveniente da un unica radice che si distribuiscono su diverse basi spaziali. Parole complicate per descrivere un piccolo bosco in vaso.

Nello stile a ceppaia il ricreare l’aspetto naturale di un piccolo bosco è lo scopo principale e fortunatamente per i neofiti sono diverse le tipologie di piante che possono essere utilizzate per ottenere dei risultati soddisfacenti. Qualche esempio? Olmi, castagni e carpini, ma anche betulle, viburni, melo, acero, larici ed abeti. Risultati straordinari ma di più difficile gestione si ottengono quando semi di diversa origine tra quelli citati si accumulano nel terriccio e crescono contemporaneamente. Non accade sempre, ma se i loro colletti riescono a fondersi naturalmente, avrete dei piccoli gioielli da custodire e sviluppare in mano.

Tornando ad ogni modo a parlare dello stile a ceppaia e di come deve essere gestito, i tronchi che sono uniti per il colletto devono avete dei diametri differenti, come altrettanto differenziate devono essere le loro grandezze ed altezze pure mantenendo degli andamenti simili che si allungano verso l’alto. Non devono possedere andature regolari perché ogni tronco deve essere visibile da qualsiasi punto si osservi la composizione di questi alberi bonsai. Attenzione però: il tronco centrale dovrà essere quello più grande perché con ruolo di dominante nell’intera scenografia. Il numero generale dei rami è consigliato sia pari sa cinque o sette. Facendo in modo che dalla chioma si distinguano i tronchi sottostanti, magari inclinati verso il punto di osservazione di un eventuale persona, si riesce a dare tridimensionalità e profondità al tutto. La parola chiave nello stile bonsai a ceppaia è equilibrio ed a tal pro la sua potatura deve essere condotta o in inverno o all’inizio della primavera. Questo stile è più o meno una evoluzione dello stile a doppio tronco.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.