Le cure estive per le rose

di Daniela

Per le rose, le temperature elevate, soprattutto se accompagnate dalla carenza d’acqua, sono piuttosto nocive, in quanto possono provocare addirittura un blocco della fioritura e la riduzione dello sviluppo vegetativo. In questo periodo, quindi, possono essere effettuati degli interventi mirati per cercare di ridurre gli effetti negativi del caldo di questi mesi.

Innanzi tutto, bisogna lavorare il terreno, zappando la crosta superficiale in modo da far confluire all’interno più acqua e ossigeno, ma anche per togliere le erbe infestanti estive che si formano alla base e che sono molto dannose, in quanto gli sottraggono l’acqua presente nel terreno.

Nelle ore più fresche della giornata bagnate regolarmente il terreno, in modo da mantenere un buona idratazione e prevenire i colpi di calore che potrebbero compromettere la salute delle vostre rose; le irrigazioni devono avvenire con un tubo di gomma che permetta lo scorrimento dell’acqua direttamente sul terreno nella zona delle radici; evitare di annaffiare le foglie per evitare che si sviluppino malattie fungine.

Eliminate tutti i fiori appassiti: questa operazione è particolarmente importante perché permetterà una veloce ripresa della fioritura autunnale. Per le rose rampicanti e ad alberello dovete intervenire eliminando di nuovo i polloni basali e del colletto.

Le alte temperature estive forniscono la situazione ideale per la comparsa delle malattie fungine, in particolar modo della ticchiolatura, la ruggine e lo oidio; se le rose vengono attaccate da queste malattie, intervenite con dei prodotti a base di rame e zolfo. A differenza della primavera, in estate gli attacchi da parte degli insetti sono minori; tuttavia, se gli afidi dovessero infestare le vostre rose, procedete con somministrazioni di prodotti biologici o insetticidi chimici.

In linea di principio, durante i mesi estivi le concimazioni vanno interrotte perché le rose entrano in riposo vegetativo e, a causa delle alte temperature, non riescono ad assorbire i fertilizzanti. Tuttavia, in caso di evidenti segni di carenze nutrizionali, come ad esempio l’ingiallimento delle foglie, potete fornire alle rose del fertilizzante in granuli specifico da interrare nel terreno nelle ore più fresche della giornata; se procedete con questo trattamento, ricordate di annaffiare abbondantemente per far assimilare meglio il prodotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.